Festa della Lombardia, non ci sono date. Quella del 29 maggio è solo ideologica

La data non c’è, la bandiera neanche. E non si tratta di una vittoria della Lega Nord, ma di una vera e propria sconfitta. Che vede il Pdl totalmente assente. «Viene voglia di dire: se ci siete, battete un colpo».
All’indomani dell’approvazione della legge sui festeggiamenti dell’Unità d’Italia, i consiglieri del Pd tornano sul tema.  Per Maurizio Martina (segretario regionale) quello di ieri è stato «un momento vergognoso (video). Mentre in Aula si discuteva, il presidente del Consiglio regionale Boni e i leghisti vendevano fumo. Non ci sono ancora date , non ci sono ancora bandiere. Quella del 29 maggio (battaglia di Legnano) è una proposta ideologica e di parte: noi non ci saremo mai. La sceneggiata di ieri, che potevano tranquillamente evitare, è servita solo a coprire il fatto che la legge sull’Unità ora c’è e va applicata. Li sfidiamo a vedere se davvero il 29 maggio sarà festa. E su questo, se il Pdl c’è batta un colpo, perchè ieri in Aula non si è visto…anzi, non è proprio pervenuto».
Una proposta che non deve assolutamente essere letta come una vittoria, ma anzi come una sconfitta del Carroccio. «Festa e bandiera sono già previste dallo Statuto» ribadisce Franco Mirabelli. E rilancia: «Se vogliamo proporre date, perché non il 22 marzo, l’ultimo giorno delle cinque giornate di Milano?». Qualsiasi sarà il giorno, il Pd è chiaro anche su un altro punto: non è necessario stare a casa dal lavoro per festeggiare.
Tutto comunque passerà al vaglio del Comitato scientifico tecnico che andrà istituito secondo la legge approvata ieri. «E perché a capo non ci mettiamo una personalità importante come Piero Bassetti, primo presidente della Regione Lombardia», propone Filippo Penati (vicepresidente del Consiglio regionale)

1 comment

  1. Fate ostruzionismo, cercate ogni cavillo giuridico, cercate almeno di non far chiudere uffici e soprattutto scuole
    Altrimenti organizziamo delle manifestazioni che si contrappongano al loro delirio elettoralistico ignorante – della storia in primis -
    Buon lavoro




Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>