Unità d’Italia, la Lega “decide” se la Lombardia vuole festeggiare

Colpo di mano della Lega Nord in Consiglio regionale. Il presidente dell’assemblea, il leghista Davide Boni, non accetta di discutere una mozione urgente presentata stamattina dal Partito democratico, in cui si chiede di riconoscere ufficialmente il 17 marzo come giorno della festa dell’Unità d’Italia e di provvedere a organizzare eventi pubblici per celebrare adeguatamente la ricorrenza.
Secondo Luca Gaffuri e Fabrizio Santantonio, Boni si arroga il diritto di decidere se la Lombardia vuole o meno riconoscere l’anniversario dei 150 anni della nascita dello Stato italiano e impedisce all’Aula di votare in libertà una mozione che chiede al Consiglio di attivarsi presso il Governo perché la ricorrenza sia celebrata nella forma della festa civile, con tanto di uffici pubblici e scuole chiusi.
Santantonio è il primo firmatario del progetto di legge che stanzia i finanziamenti per i festeggiamenti che verrà portato in Consiglio martedì prossimo.
Avevamo chiesto che la Regione, le scuole e i luoghi simbolo diventassero sede di manifestazioni per rendere familiare alla coscienza dei cittadini i fatti e gli eventi che condussero all’Unità e alla nascita dello Stato e della nazione italiani.  Siamo convinti che i cittadini italiani e tutti coloro che pacificamente vivono e lavorano nel nostro Paese debbano poter dedicare una giornata, che deve essere di festa, alla propria storia, alla propria identità, per ritrovare lo slancio con cui costruire il presente guardando al futuro. E come noi forse anche un’altra parte del Consiglio che non siede dal lato dell’opposizione. Ma la Lega, per evitare sorprese, ha impedito all’Aula tutta di votare, con una scusa procedurale che non sta né in cielo né in terra.
Ciò che preoccupa maggiormente è che ancora una volta la Lega, su uno dei valori fondanti della convivenza nazionale, adotti un atteggiamento recalcitrante, oltre tutto in un momento nel quale l’Italia avrebbe bisogno di ritrovarsi attorno a valori più alti per affrontare le sfide, tra cui quella economica.


1 comment

  1. Pingback: Unità d’Italia, domani discutiamo la legge. Solo la Lega non ha firmato il progetto




Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>