Ricordare la Shoah: la Regione sostenga Binario 21 e le altre associazioni

Da www.binario21.org

Binario 21 aspetta ancora i finanziamenti, pubblici e privati, e Regione Lombardia si è impegnata da tempo, non solo con il memoriale che sorgerà in stazione Centrale a Milano (da dove partivano i treni per Auschwitz), ma anche con tutti gli enti e le associazioni che intendono promuovere il ricordo di ciò che accadde durante la seconda guerra mondiale. «Purtroppo i finanziamenti iniziali stanziati anche dalla Regione non sono bastati – commenta il consigliere Fabio Pizzul – e se non si vuole che il progetto fallisca, occorre fare di più».
Mentre i responsabili della Fondazione che gestirà il memoriale di Binario 21 chiedono a gran voce che vengano impegnati i soldi promessi e ancora mancanti, i consiglieri regionali del Pd ricordano le iniziative che il Consiglio aveva intrapreso a suo tempo e sono rimaste finora lettera morta.
A settembre del 2010 Pizzul aveva presentato un’interpellanza a risposta scritta, che nessuno della Giunta ha mai preso in considerazione, in cui ricordava che alla fine dell’VIII legislatura, era stato approvato un progetto di legge (1/2010) che riguarda il “Sostegno alle attività di studio e memoria sui fondamenti e lo sviluppo dell’assetto democratico della Repubblica”, che «prevede iniziative per il ricordo attivo di fatti e avvenimenti che hanno fortemente contrassegnato il Novecento, con convenzioni con gli istituti storici, con le scuole medie superiori per attività educative e culturali e borse di studio e premi alle tesi di laurea, viaggi di studio e di conoscenza nei luoghi di svolgimento dei fatti della memoria». Pizzul scriveva nell’interpellanza che la legge poteva essere ulteriore modalità di finanziamento per il Memoriale.
E a questo proposito chiedeva, appunto, a Giunta e assessore competente se fosse loro intenzione «destinare risorse aggiuntive per garantire la continuità dei lavori e la realizzazione del progetto previsto, dato che il Memoriale per Milano e per i cittadini lombardi sarà luogo di testimonianza e di ricordo ma anche un’occasione di incontro e di dialogo». Ma si domandava anche quali fossero i tempi di emanazione del bando relativo ai finanziamenti previsti dalla legge n. 1/2010. «Evidentemente molto lunghi – continua la collega Sara Valmaggi –, considerato che in occasione della votazione del bilancio 2011, è stato approvato un ordine del giorno sui finanziamenti, previsti dalla legge, per sostenere gli interventi per enti e associazioni che, con iniziative culturali, promuovono il ricordo della memoria e la condivisione dei fatti che riguardano lo sterminio degli ebrei e la persecuzione degli oppositori da parte del regime nazifascista».
Secondo la Valmaggi sarebbe un bel segno se la Giunta si facesse viva proprio nel Giorno della memoria: «Speriamo – dice – che proprio il 27 gennaio 2011 il Governo Formigoni dia effettivo sostegno a questi interventi emanando i bandi previsti dalla legge».




Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>