Sabato tavola rotonda sulla legalità, domenica assemblea regionale

Si conclude domani, sabato 22 gennaio, la tre giorni milanese e lombarda dedicata alla legalità. Alle 15 a Desio (Monza Brianza) Prima di tutto legalità – La lotta alla criminalità organizzata in Lombardia: azioni, impegni, proposte“.
L’Assemblea Regionale del PD Lombardo si svolgerà invece domenica 23 gennaio, dalle ore 9.00 alle ore 13.00 all’Urban Center di via Turati 6, Monza. Partecipa la Presidente nazionale del Partito democratico Rosy Bindi.
IL PROGRAMMA
Ore 9.30: Apertura Lavori
Introduzione del Segretario regionale PD Maurizio Martina
Ore 10: Gruppi di lavoro
- Lavoro e sviluppo, coordinano Laura Specchio e Stefano Tosi;
- Sanità, coordinano Arianna Censi e Paolo Furgoni;
- Sicurezza e Legalità, coordinano Anna Puccio e Gabriele Ghezzi;
- Riforma della Pubblica Amministrazione, coordinano Matteo Rossi e Luigi
Duse.
Ore 11.30: Sessione Plenaria
Ore 13.00: Conclusioni della Presidente nazionale del PD Rosy Bindi

2 comments

  1. AVVOCATI CORAGGIOSI 18 febbraio 2011 at 12:46 -

    IL PRESIDENTE RAFFAELE LOMBARDO E LA LEGALITA’
    Le vicende giudiziarie ed i rapporti con le associazioni mafiose di chi ricopre importanti cariche pubbliche offuscano la trasparenza delle istituzioni, alimentano la sfiducia nei cittadini e concorrono a diffondere un giudizio sulla politica come cosa sporca; e le nuove generazioni avvertono ancora di più “il distacco” dalla politica di cui parla il Presidente Napolitano.
    Troppi politici indagati per i loro rapporti con la criminalità organizzata, che solo per questo dovrebbero rassegnare le dimissioni.
    La presunzione di innocenza garantita al cittadino dalla Costituzione sino a condanna definitiva, non dovrebbe essere evocata per continuare a ricoprire cariche istituzionali. L’ uomo politico non può sfuggire al giudizio morale della collettività sfiduciata per il solo fatto di dover pensare che esiste comunque una possibilità: chi continua a ricoprire importanti cariche pubbliche – nonostante l’avviso di garanzia e l’indagine giudiziaria – potrebbe essere condannato per reati di mafia.

  2. AVVOCATI CORAGGIOSI 3 marzo 2011 at 19:55 -

    LA POLITICA E L’ESERCIZIO DI GOVERNO NELL’INTERESSE DELLA COLLETTIVITA’
    La questione morale non sembra interessare la classe politica siciliana.
    Eppure è normale credere che in una società sana solo persone dotate di un alto senso della moralità, oltre che di specifiche capacità, possono servire il bene comune.
    Invece chi ricopre incarichi istituzionali sembra agire senza l’attitudine a comprendere i problemi della società e molto spesso agisce fuori dall’etica e dall’onesta’.
    Il soggetto politico sembra perseguire un interesse personale, quello cioè di portare avanti la sua carriera politica intesa come “un lavoro”.
    L’attività politica non appare percepita come un impegno ulteriore, oltre la propria attività lavorativa, ma come l’opportunità di migliorare la propria condizione economica e sociale.
    E così accade che il politico è attratto dalla logica degli affari e dello scambio dei favori, piuttosto che amministrare per il bene comune.
    In tal modo la politica non risolve i problemi della collettività e provoca un danno grave alla società che si disgrega e perde la bussola.
    Noi non vogliamo che chi ci rappresenta abbia dei procedimenti penali pendenti, sia sottoposto ad indagini o faccia uso di droghe.
    Noi non vogliamo che chi ci rappresenta abbia a che fare con logiche affaristico-clientelari.
    La politica non è un lavoro ma un impegno nell’interesse della collettività.




Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>