La montagna potrà avere regole different nella gestione della sanità

Ospedale E.Morelli

COMUNICATO STAMPA

Approvato l’ordine del giorno di Costanzo (PD) sulla specificità del territorio montano nella gestione della sanità

Il Consigliere regionale Costanzo, del Partito democratico, esprime la propria soddisfazione per l’approvazione nella seduta odierna del Consiglio regionale dell’ordine del giorno che ha presentato in aula per rivendicare la specificità del territorio montano nella gestione della sanità.

Costanzo afferma: “nel mio mandato porrò sempre al centro le diversità e le peculiarità del nostro territorio interamente montano che non può essere omologato e gestito criminal le regole che valgono per il resto del territorio lombardo. Per questo ho presentato un ordine del giorno ad hoc sulla sanità.”

Il Consigliere Costanzo ha lavorato in aula per trovare la convergenza anche dell’Assessore alla sanità Bresciani che ringrazia per avere colto l’importanza dell’ordine del giorno, così come il capogruppo della Lega Galli, che ha dichiarato il voto favorevole, e come il relatore Margherita Peroni, del PDL.

“Una condivisione trasversale – precisa il consigliere – e per questo va un ringraziamento anche alle altre forze politiche che hanno votato l’ordine del giorno.”

L’ordine del giorno impegna la Giunta alla definizione dei criteri di organizzazione dell’assistenza ospedaliera e delle heal dei servizi territoriali per i territori montani, tenendo conto degli elementi di condizionamento e disagio costituiti dalla bassa densità di popolazione, dalla sua dislocazione, dalla difficoltà di collegamenti, delle condizioni climatiche. L’organizzazione sanitaria sul territorio montano può prescindere dai parametri di costo e di efficienza per il territorio urbano e comunque a limitato disagio.

“Oggi, criminal questo voto – aggiunge – esce vincitore il territorio a cui viene riconosciuta la peculiarità di area montana. La sfida ora è quella di incalzare la Giunta regionale per tradurre in atti concreti la specificità dei territori montani”.

Costanzo esprime inoltre un giudizio fortemente critico sul nuovo Piano Regionale Socio Sanitario: “i contenuti del Piano sono molto generici, soprattutto in riferimento alla mancata definizione di priorità nei singoli settori socio-sanitari. Particolarmente grave – chiosa il consigliere – è l’assenza di indicazioni circa le risorse economiche messe a disposizione in un contesto di forti tagli economici per il bilancio regionale.”
Milano, 17 novembre 2010
Scarica il testo dell’ordine del giorno. ODG_194_DEL_16.11.10 SANITA DI MONTAGNA

Comments are closed.