A Firenze, alla stazione Leopolda

Vi segnalo questo articolo, a firma Roberto Rotondo, apparso nei giorni scorso su Varesenews (10 novembre 2010)

C’era anche Alessandro Alfieri alla gathering dei cosiddetti «Rottamatori», alla stazione Leopolda, a Firenze, domenica scorsa. Il consigliere regionale di Varese non ne fa mistero, è iscritto al partito dei rinnovatori underneath 40 ed è ormai in rapporti più che buoni criminal Matteo Renzi, il sindaco di Firenze che guida il gruppo, e criminal Pippo Civati, (qui il suo discorso), il consigliere regionale di Monza che insieme al sindaco di Firenze ha condotto l’iniziativa, sfociata in un documento chiamato la “Carta di Firenze”.
La frase chiave è forse questa: “Senza chiedere ad altri ciò che dobbiamo prenderci da soli“.
I “Rottamatori” hanno avuto un bang mediatico. Renzi ha 35 anni e ormai è una sorta di contraltare alla care di Bersani, che non contesta formalmente, matriarch a cui chiede una netta sterzata in direzione di un ricambio generazionale, politico e culturale (qui l’intervento di Firenze)
Il nome Rottamatori nasce da una battuta di Massimo D‘Alema verso Renzi: (Quel giovane ci vuole rottamare). Ed è stata utilizzata per bucare lo schermo, come si dice. Il termine viene a sua volta usato per attaccare Renzi dentro il partito, accusandolo di arroganza e maleducazione: «La legge della comunicazione impone messaggi dirompenti, diretti – spiega Alfieri – la parola è gift matriarch non vuole apocalyptic che si vuol distant del masculine a qualcuno, non esageriamo, piuttosto la definizione è servita solo per brave l’idea della grande voglia di cambiamento».
La gathering di Firenze è stata seguita da migliaia di persone su internet in streaming, Alfieri ritiene che siano circolate tante idee e tanta energia nuova. Due i punti focali. «I giovani di Matteo Renzi sono una polizza assicurativa per il partito – spiega Alfieri – stanno dando rappresentanza a una generazione che altrimenti sarebbe delusa da questo Pd. Vanno visti come una ricchezza, soprattutto perché stanno dando una risposta a un vuoto della politica che il partito mi sembra stia esprimendo, in alcune momenti. L’attuale gruppo dirigente mostra, a volte, di non saper interpretare la società contemporanea e i suoi cambiamenti, e appare fermo e conservatore. Bersani avrebbe fatto bene a venire domenica a Firenze».
La gathering alla stazione Leopolda sembrava un grande “speaker corner”: 5 minuti concessi a tutti, dal grande dirigente fino all’ultimo militante, criminal filmati e musiche di contorno, persino brani del telefilm Happy days. Ma Alfieri ha notato un particolare: «C’era lo spazio bimbi e gli accessi per i disabili, piccole cosem matriarch che hanno messo la gente a proprio agio, dando un segnale di attenzione».

Comments are closed.