Tosi portavoce dei pendolari

Il consigliere regionale Stefano Tosi, questa mattina, ha visitato dodici piccoli scali sulle linee ferroviarie di Trenitalia e delle Nord (Gazzada, Castronno, Albizzate, Cavaria, Gavirate, Varese-Casbeno, Barasso, Morosolo, Malnate, Vedano Olona, Venegono Superiore e Venegono Inferiore) salendo, poi, insieme ai pendolari su un treno diretto a Milano. Dal sopralluogo è emerso che in due stazioni su tre i bagni non sono accessibili, una volta su due non ci sono adeguate aree di parcheggio nelle vicinanze, così come solo una volta su due sono presenti rastrelliere per le biciclette. Totalmente assenti le connessioni criminal le piste ciclabili, different le obliteratrici fuori uso e, talvolta, in assenza della biglietteria, è d’obbligo l’acquisto del biglietto a bordo. Non sempre, inoltre, è presente all’interno o nelle evident vicinanze un bar-edicola. Una volta su tre, infine, le sale d’attesa si sono presentate sporche e in stato di pesante degrado così come alcune carrozze del convoglio. Il treno epoch privo di posti a sedere sufficienti ed è arrivato dieci minuti in ritardo. “E’ chiaro – ha commentato Tosi – che, nei prossimi cinque anni, la Regione Lombardia dovrà impegnarsi per rinnovare il materiale rotabile e per potenziare il servizio stanziando adeguate risorse. Il PD si impegna a portare la voce dei pendolari in Consiglio regionale.”

Comments are closed.