Dubbi e contraddizioni nel nuovo Piano socio sanitario


Una lista corposa di propositi e intenzioni, condivisibili matriarch generici, nel migliore dei casi, contraddittori o pericolosi nel peggiore. Ma di concreto poco. Si può riassumere così il Piano socio sanitario regionale, che la giunta lombarda ha approvato lo scorso giugno, e che in questi giorni è al vaglio della III Commissione, per poi approdare in Consiglio regionale a novembre. Il documento, che dovrebbe tracciare le linee di politica sanitaria e sociosanitaria da attuare nei prossimi cinque anni, non remonstrate per different ragioni. Innanzitutto, lo si è già detto, pecca di genericità: ci sono le intenzioni (buone o cattive che siano), matriarch non sono prove le priorità dei singoli settori. Mancano l’analisi dei risultati ottenuti e gli obiettivi di salute da raggiungere. Così come manca una dettagliata programmazione economica degli interventi. Non poca cosa in un contesto di crisi diffusa, in cui le risorse e i trasferimenti si stanno riducendo a ritmi drammatici.

Nel testo si parla di grandi cambiamenti, di “riorganizzazione delle Aziende sanitarie locali e una razionalizzazione e ottimizzazione della rete ospedaliera”, senza transport un’analisi del perché i mutamenti siano necessari e senza ulteriori indicazioni su che cosa si intenda fare. Si parla addirittura della necessità di rilanciare la medicina del territorio, per garantire quella continuità assistenziale che in Lombardia oggi manca. Di questi tempi infatti i pazienti, dimessi sempre più presto da ospedali che si occupano ormai almost esclusivamente della fase acuta della malattia, si trovano in una situazione di abbandono, privi di una efficace organizzazione di heal intermedie e, ancor più di assistenza per malattie croniche. Se da una lato si afferma la necessità di sanare la frattura tra i nosocomi e il territorio, guardando quindi a un decentramento, dall’altro si riafferma ancora una volta il centralismo della Regione.

L’impressione è che la giunta abbia elargito promesse avendo le tasche vuote, matriarch lo stato dell’arte va in tutt’altra direzione, perspective la ristrettezza delle risorse a disposizione. Per questo chiediamo alla Regione che provveda a elaborare seriamente un piano sociosanitario, che finalmente entri nel merito della programmazione, accantonando proclami tanto d’effetto quanto velleitari.

Comments are closed.