Archivi tag: Treviglio

Razzismo: Misiani (Pd), sconcerto per lo strafalcione dell’opuscolo patrocinato dal comune di Treviglio

“Solo un ubriaco potrebbe teorizzare che ‘alcune razze sono costituzionalmente meno tolleranti all’alcol rispetto alla razza bianca’. Eppure questo stava scritto in un opuscolo informativo patrocinato dal comune di Treviglio” dichiara Antonio Misiani, senatore bergamasco del Pd. “Il governatore Fontana evidentemente ha degli emuli. Continua un uso disinvolto e sbagliato del concetto di razza. La vicesindaco Prandina ha opportunamente imposto il ritiro dell’opuscolo, chiedendone la ristampa. Rimane il nostro forte sconcerto di fronte a strafalcioni di sapore razzista come questi”

Pubblicato in Territorio | Taggato , | Lascia un commento

POLIZIA STRADALE: MISIANI (PD), NO ALLA CHIUSURA DEL DISTACCAMENTO DI TREVIGLIO

“Verificheremo se le anticipazioni informali avranno o meno riscontri ufficiali. Per quanto riguarda il Pd, siamo in ogni caso nettamente contrari alla chiusura del distaccamento di Polizia stradale di Treviglio” dichiara Antonio Misiani, senatore bergamasco del Pd. “La presenza delle forze dell’ordine sul territorio bergamasco è in via di potenziamento. Chiudere la Polizia stradale di Treviglio sarebbe una scelta in contraddizione con questo sforzo e ben poco giustificabile, se teniamo conto del peso demografico, economico e infrastrutturale del territorio trevigliese. Per tutti questi motivi, siamo pronti ad un’azione condivisa con le altre forze politiche, analogamente a quanto è accaduto in passato per la ventilata (e scongiurata) chiusura del Commissariato ”.

Pubblicato in Blog Dem, Territorio | Taggato , , | Lascia un commento

ESPLOSIONE SERBATOIO: MISIANI (PD), TRAGEDIA INAMMISSIBILE

“È una tragedia inammissibile. Esprimo il mio cordoglio e la vicinanza alle famiglie dei due lavoratori morti a Treviglio” dichiara Antonio Misiani, senatore del Pd. “Dall’inizio dell’anno sono quattordici le persone morte sul lavoro in Lombardia, senza contare gli infortuni in itinere. Questa catena di tragedie va fermata. Le regole ci sono, vanno applicate e fatte rispettare mettendo in campo tutti gli strumenti necessari. A Bergamo è stato firmato a fine gennaio in Prefettura un importante e innovativo protocollo di intesa per rafforzare la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro. È necessario avviarne al più presto l’attuazione, attraverso una piena assunzione di responsabilità da parte di tutti i soggetti coinvolti.”

Pubblicato in Territorio | Taggato , , | Lascia un commento

Misiani: La presenza della ‘ndrangheta è meno visibile rispetto a certe zone, ma non meno pericolosa.

“E’ l’ennesima conferma, purtroppo, che la provincia di Bergamo è da tempo oggetto di penetrazione mafiosa” dichiara Antonio Misiani, deputato bergamasco del PD. “La presenza della ‘ndrangheta è meno visibile rispetto a certe zone dell’hinterland milanese, ma non meno pericolosa. I sequestri annunciati oggi vengono dopo gli arresti dei mesi scorsi. A Bergamo la mafia investe, ricicla denaro sporco, cerca di inserirsi nel tessuto economico e nei lavori pubblici. Serve una reazione forte e sistematica che coinvolga la politica, le istituzioni, la società civile. E non bisogna mollare la presa per quanto riguarda il presidio del territorio da parte delle forze dell’ordine, proseguendo la positiva azione corale che ha permesso di salvare il commissariato di Treviglio”

Pubblicato in Blog Dem, Territorio | Taggato , , | Lascia un commento

Commissariato di Treviglio: Misiani (Pd), è una bella vittoria dello spirito di squadra bergamasco

L’annuncio del Ministro dell’Interno sul commissariato di Treviglio e sull’arrivo di 30 agenti in più alla questura e all’aeroporto di Orio è una notizia molto importante, una bella vittoria della “squadra bergamasca” a Roma e la testimonianza concreta della sensibilità del governo Renzi nei confronti della sicurezza dei cittadini. Grazie alla mobilitazione della comunità trevigliese e della bassa bergamasca e al lavoro dei parlamentari bergamaschi – che si sono battuti senza distinzione di colore politico per difendere il commissariato di Treviglio – il territorio orobico manterrà questo fondamentale presidio di sicurezza. I 30 agenti in arrivo sono ossigeno prezioso per una provincia da sempre penalizzata nella dotazione di forze di Polizia in rapporto alla popolazione, un problema da tempo sollevato con forza dai parlamentari bergamaschi. È la dimostrazione che quando lo spirito di squadra prevale, i risultati arrivano. È stato così per l’Accademia della Guardia di Finanza, è nuovamente così per il commissariato di Treviglio.

Antonio Misiani
Deputato Pd

Pubblicato in Blog Dem, Territorio | Taggato , , , | Lascia un commento

Misiani: chiederemo al ministro dell’interno di non chiudere il commissariato di Treviglio

La chiusura del commissariato di Polizia di Treviglio è una scelta sbagliata. E’ sbagliata se pensiamo a quanto la provincia di Bergamo sia sguarnita dal punto di vista della presenza delle forze dell’ordine. E’ sbagliata se guardiamo al futuro di Treviglio e della Bassa bergamasca, che con l’apertura della Brebemi e la realizzazione della Tav diventeranno un crocevia importante di persone e merci. E’ sbagliata di fronte alla recrudescenza di atti criminali, che sta provocando in tutto il territorio allarme e preoccupazione. I sindacati di Polizia e la comunità trevigliese hanno lanciato un appello a tutti i rappresentanti istituzionali. Io credo che vada raccolto subito. Lo faremo oggi con un’interrogazione parlamentare, chiedendo al Ministro dell’Interno di non chiudere il commissariato di Treviglio, e nelle prossime settimane attivando tutti gli strumenti utili a raggiungere questo obiettivo.

 

 

Antonio Misiani

 

Deputato PD

 

Pubblicato in Blog Dem, Territorio | Taggato , , | Lascia un commento

MISIANI (PD), SITUAZIONE INSOSTENIBILE. BENE LA RIUNIONE DEI PREFETTI

L’occupazione dei binari della stazione di Treviglio da parte dei pendolari è il segnale della situazione insostenibile del trasporto ferroviario locale: vetture spesso sporche o gelide, convogli strapieni, da ultimo persino episodi di criminalità. Su quest’ultimo fronte va sicuramente valutata positivamente la riunione del Comitato interprovinciale per la sicurezza svoltasi a Milano. Rimangono però aperti i problemi legati al materiale rotabile e alla qualità complessiva del servizio. Il 25 ottobre scorso io e l’on. Elena Carnevali avevamo incontrato l’amministratore delegato di Trenord, che ci aveva descritto le difficoltà ma anche le iniziative in atto per superare le criticità evidenziate dagli utenti. Da allora purtroppo molto poco si è concretizzato. È necessario che le istituzioni bergamasche tornino alla carica con la Regione e Trenord per ottenere per i pendolari bergamaschi un servizio ferroviario degno di un Paese civile.

 

Antonio Misiani

Deputato Pd

Pubblicato in Blog Dem, Territorio | Taggato , , , | Lascia un commento

Giudici di pace: Misiani (Pd) contatta il sottosegretario Berretta

La vicenda dell’ufficio del giudice di pace di Treviglio è assurda e rischia di paralizzare un importante servizio pubblico. Le sollecitazioni ad intervenire sono sacrosante e vanno raccolte: per questo ho informato personalmente della questione il sottosegretario alla giustizia Giuseppe Berretta, il quale mi ha assicurato il suo interessamento. Verifichemo nei prossimi giorni con le istituzioni interessate quali strade seguire per favorire la soluzione di questa problematica.

Antonio Misiani (Deputato Pd)

Pubblicato in Territorio | Taggato , , | Lascia un commento

Ex IPB, Partito democratico: “Non è questo il modo di progettare un’infrastruttura”

Troppo spesso la fretta porta a commettere errori: nel caso specifico del progetto dell’autostrada Bergamo-Treviglio, la pretesa chiusura della conferenza dei servizi in soli quaranta giorni ha lasciato sul tavolo molte lacune e altrettante imprecisioni.

Per evitare criticità successive e opposizioni strumentali, opere di questa rilevanza hanno bisogno di una concertazione vera con i territori, che non veda questo passaggio come un mero adempimento burocratico.

Che sia necessario intervenire sulla viabilità locale – in particolar modo nel tratto tra Dalmine e Osio – è sotto gli occhi di tutti; è altrettanto evidente che la soluzione paventata di realizzare una nuova autostrada parallela alla A4, che si avvicini alla frazione di Sabbio di Dalmine, a Levate e a Osio Sotto sia uno spreco di risorse, di territorio e di energie, che di certo non andrà a sgravare il traffico locale sulla strada statale 525 – come detto da qualche amministratore – semmai, secondo la tesi sostenuta dagli stessi relatori del progetto preliminare, a fare concorrenza al tratto bergamasco della A4.

Non possiamo che condividere e sostenere quindi le posizioni espresse dai comuni di Levate, Osio Sopra e Verdellino, nonché rammaricarci nell’avere assistito ad un cambio repentino di idee da parte dell’amministrazione di Dalmine, dapprima unanimemente concorde nell’inutilità di un percorso autostradale e successivamente inspiegabilmente favorevole.

Chiediamo concretamente di non realizzare questo tratto autostradale, che permetterà un risparmio di territorio e di circa 60 milioni di euro, ancorché privati.

Chiediamo che Provincia e Regione pretendano dalla società autostrade il rispetto delle promesse fatte a suo tempo circa lo spostamento dell’attuale casello di Dalmine, che si sarebbe dovuto concretizzare con la realizzazione della quarta corsia.

Riteniamo sia altrettanto importante che la Regione tenga fede all’accordo quadro sottoscritto tra la stessa, il Ministero dell’Ambiente e i comuni dell’area Dalmine Zingonia che prevedeva un investimento di circa 25 milioni di euro per riqualificare quelle criticità viabilistiche oggi presenti nella zona.

Per quanto concerne la tratta a sud di connessione Pedemontana – Brebemi, pur consci della necessità di un collegamento che eviti il passaggio nei centri abitati, riteniamo la tipologia autostradale poco utile al territorio: molto meglio una infrastruttura più “leggera”, una tangenziale non appesantita dagli obblighi progettuali che un’autostrada comporta.

Chiediamo un atto di coraggio e lungimiranza sia alla Regione che alla Provincia: facciamo in modo che quest’opera non si limiti a creare una trincea ambientale o ad essere un’ulteriore cava di prestito.

Invitiamo ad attuare le richieste degli amministratori locali e facciamo in modo che sia anche concretamente al servizio dei paesi attraversati: questa infrastruttura non può essere a pedaggio locale! Risulta fondamentale esentare il pagamento delle tratte intermedie, come è altrettanto essenziale che si prevedano consistenti mitigazioni e compensazioni ambientali, perché quanto previsto in sede di preliminare è assolutamente insufficiente.

In territori come i nostri è sempre più evidente che non ci si può più limitare a progettare una strada senza affrontare il tema complessivo dello sviluppo territoriale.

Questo significa concertare e organizzare nel complesso le politiche di riordino urbanistico innanzitutto per non consumare a sproposito altro suolo: dai trasporti, alle aree produttive, dai servizi commerciali alle funzioni di carattere comunale e pubblico.

Servono questo sforzo e grande collaborazione fra istituzioni locali – non forzature e progetti calati dall’alto- perché mai come oggi infrastrutture e territorio devono essere pensati insieme.

Pasquale Gandolfi Resp. provinciale PD Territorio Mobilità Infrastrutture

Gabriele Riva Segretario provinciale PD

Maurizio Martina Segretario Regionale PD, Consigliere regionale

Pubblicato in Mobilità, Territorio | Taggato , , | Lascia un commento