Archivi tag: nuovo ospedale

PARCHEGGIO OSPEDALE: MISIANI, LA VIA MAESTRA PER RIDURRE LE TARIFFE E’ REALIZZARE RAPIDAMENTE IL NUOVO PARCHEGGIO DIPENDENTI

La vicenda delle tariffe del parcheggio del nuovo Ospedale rimane purtroppo aperta, nonostante i ripetuti interventi delle organizzazioni dei consumatori e delle istituzioni bergamasche. Di fronte a questa situazione, lo scaricabarile e il ping pong non sono solo inutili: sono una presa in giro nei confronti di migliaia di utenti che sono costretti a pagare tariffe molto elevate, come ha giustamente denunciato il giornalista Marco Birolini. Personalmente, continuo a ritenere che la via maestra per sbloccare la situazione sia la realizzazione del nuovo parcheggio dipendenti da 500 posti, su cui è stato perso tempo prezioso e la cui apertura va accelerata il più possibile. La disponibilità di questi spazi aggiuntivi darà alla Provincia lo strumento per riportare BhP al tavolo delle trattative per ridurre e rimodulare le tariffe. Due punti sono, a mio giudizio, imprescindibili: il frazionamento delle ore di parcheggio e l’aumento dei posti a disposizione delle auto dei disabili. Accanto a questo, l’eventuale subentro di un nuovo gestore è una variabile subordinata, auspicabile se utile e funzionale al raggiungimento dell’obiettivo di tariffe più razionali e meno penalizzanti per gli utenti dell’ospedale.

Pubblicato in Territorio | Taggato , | Lascia un commento

Parcheggio ospedale, sbagliato l’aumento delle tariffe

L’aumento della tariffa del parcheggio del nuovo ospedale è una decisione sbagliata e ingiustificabile, che ricade negativamente su pazienti, familiari e dipendenti della struttura e va nella direzione esattamente opposta rispetto alle sollecitazioni delle migliaia di cittadini che a suo tempo hanno firmato la petizione promossa dalle associazioni dei consumatori. Per questo, mi auguro che venga al più presto revocata. È necessario riaprire il confronto tra tutti i soggetti interessati per ricercare una soluzione alternativa che permetta di evitare ogni aumento, costruendo un sistema tariffario meno penalizzante. Ipotesi fattibili esistono, vanno perseguite con la massima determinazione. Sono sicuro che il comune e la provincia non faranno mancare il loro attivo sostegno.

Pubblicato in Blog Dem, Territorio | Taggato , , , | Lascia un commento

PARCHEGGIO OSPEDALE: MISIANI (PD), RICONVOCARE LE PARTI PER CAMBIARE LE TARIFFE

“Che il tentativo di conciliazione sulla questione delle tariffe del parcheggio del nuovo Ospedale finisse in un nulla di fatto purtroppo era prevedibile. Rimane però aperto il punto di fondo: le tariffe vanno riviste nella direzione sollecitata da tempo dagli utenti e dalle associazioni dei consumatori. A questo scopo, è necessario riconvocare rapidamente tutte le parti interessate: la Provincia, BHP, ma anche l’Azienda Ospedaliera, la Regione e il Comune di Bergamo. Le strade per trovare una soluzione ci sono, ciò che serve è uno sforzo da parte di tutti per rispondere positivamente alle aspettative delle migliaia di persone – pazienti, familiari, lavoratori – che ogni giorno utilizzano il parcheggio del nuovo Ospedale.”
Pubblicato in Blog Dem, Sanità e welfare | Taggato , , | Lascia un commento

PARCHEGGI OSPEDALE: MISIANI (PD) HA INCONTRATO BHP E AZIENDA OSPEDALIERA

Tra venerdì e oggi il deputato PD Antonio Misiani ha incontrato il presidente di Bhp Nicola Sanfilippo e il Direttore generale dell’Azienda Ospedaliera Papa Giovanni XXIII Carlo Nicora. “Ho rappresentato ad entrambi” – dichiara Misiani – “le motivazioni che hanno spinto parlamentari bergamaschi di diversi schieramenti politici a scrivere la lettera aperta del 5 gennaio scorso sulla vicenda dei parcheggi del nuovo Ospedale: da una parte la necessità di rimodulare le tariffe venendo incontro alle richieste dell’utenza (sostenute dalle migliaia di firme raccolte dalle organizzazioni dei consumatori), dall’altra la questione dei dipendenti delle ditte esterne all’azienda Ospedaliera, la cui convenzione è in scadenza tra non molto.” Secondo il parlamentare bergamasco “sia il presidente di Bhp che il direttore generale dell’Ospedale hanno espresso la volontà di affrontare concretamente queste problematiche. La mia convinzione, rafforzata da questi incontri, è che con l’impegno di tutte le parti interessate si debba e si possa trovare una soluzione per rispondere efficacemente alle questioni sollevate dagli utenti e dai lavoratori.”

Pubblicato in Blog Dem, Sanità e welfare | Taggato , , , | Lascia un commento

Misiani – Comunicato: La petizione sull’ospedale è una questione molto seria

<Bisogna tenere conto di quello che dicono> Inizia così Antonio Misiani, deputato e tesoriere nazionale PD <La petizione sui parcheggi dell’ospedale è una questione molto seria e preoccupante, gli organismi preposti pubblici e privati devono tenerne conto. Di fatto occorre abbassare i prezzi dei parcheggi perchè gli utenti dell’ospedale non possono pagare così tanto. Sono persone che di solito hanno altri problemi a cui pensare. Quidi gli enti pubblici devono salvaguardarli.>

Pubblicato in Blog Dem, Mobilità | Taggato , , | Lascia un commento

Parcheggio del Nuovo Ospedale, tariffe elevate

Potrebbe costare 500 euro l’abbonamento di un anno, destinato ai dipendenti, per un posto auto; 10 euro lasciare la macchina una notte, magari per assistere un parente malato: sono queste le tariffe previste per il parcheggio per il nuovo ospedale. Tariffe giudicate troppo elevate dai dipendenti e da alcuni utenti. Il Partito Democratico ha presentato un’interpellanza per chiedere alla Provincia ed al Comune di avviare un confronto per trovare un accordo più conveniente per dipendenti e lavoratori, e per conoscere i possibili accordi per realizzare una rete efficace di trasporto pubblico, considerando il notevole flusso di utenza giornaliera cittadina e provinciale su un’area decentrata del territorio cittadino

Nell’accordo di programma per la costruzione del Nuovo Ospedale sottoscritto il 7 aprile 2000 la Provincia di Bergamo si era assunta infatti l’impegno di realizzare i parcheggi “secondo le indicazioni dell’Azienda Ospedaliera, individuando la modalità di realizzazione e gestione più efficace all’interno del quadro di riferimento del sistema del trasporto pubblico e della mobilità provinciale”. In cambio della realizzazione dell’opera, affidata ad ABM2 SpA, e successivamente ad una società privata, la “Bergamo Hospital Parking SpA” (BHP), la nuova concessionaria ha ottenuto la gestione economica dei parcheggi e delle attività commerciali insediate nella struttura nonché la revisione dell’accordo finanziario motivandolo con i ritardi e le modifiche apportate al progetto iniziale.

L’ accordo transattivo ha definito una cifra di 9,5 milioni di euro che rappresenta il maggior costo dell’opera dovuto ai ritardi e alle modifiche subentrate nel corso del tempo. Sono anche state definiti, tra Provincia e PHP, gli importi massimi delle tariffe di parcheggio e sul costo del posto auto per i dipendenti dell’Ospedale.

Le scelte della Provincia causerebbero a dipendenti, utenti e visitatori oneri economici non indifferenti.

In particolare:

  • più di 500 euro annui a carico dei dipendenti (circa 3.000) per eventuale l’abbonamento del posto auto
  • una franchigia oraria limitata a 15 minuti che, a fronte dello spazio da percorrere tra auto e uffici, comporterebbe oggettivi disagi essendo troppo pochi per chi deve anche solo consegnare un modulo allo sportello
  • il costo orario del parcheggio sarà di 1,10 euro, nettamente superiore a quello di altre strutture ospedaliere del nostro territorio (Treviglio: gratuito per dipendenti e visitatori; Seriate: gratuito per i dipendenti, 0,60 euro per i visitatori). Questi costi comporterebbero, ad esempio, una spese di circa 10 euro a notte a carico di chi deve sostare in ospedale per assistere un malato.

All’amministrazione provinciale e comunale è stata presentata, da una rappresentanza dei consiglieri sanitari infermieristici una richiesta di revisione, di queste tariffe.

Nell’interrogazione presentata, i consiglieri Pd Matteo Rossi, Elena Carnevali e Marco Brembilla inoltre chiedono alla Provincia e al Comune: “quali sono state (se ci sono state) le risposte fornite da codesta amministrazione alle richieste pervenute da dipendenti e cittadini; se intende promuovere un’azione di confronto con l’obiettivo di rivedere le tariffe per il parcheggio per dipendenti e utenti; se in Provincia è stato effettuato, come assunto e promesso in seguito ad una raccomandazione in sede di emendamenti al bilancio di previsione 2011, un aggiornamento dello studio di fattibilità dell’utilizzo urbano della tratta ferroviaria Ponte-Bergamo-Albano, che potrebbe costituire un elemento strategico per il raggiungimento del nuovo ospedale attraverso l’utilizzo del trasporto pubblico”.

Pubblicato in Sanità e welfare, Territorio | Taggato , , , | Lascia un commento

Eco 18 luglio 2011 Altri 60 milioni per il nuovo ospedale – ma il Pd chiede chiarezza sui costi

Chiedono chiarezza Maurizio Martina e Mario Barboni sulle ultime vicende che riguardano l’ospedale Papa Giovanni XXIII, e annunciano un’interrogazione in Regione, anche alla luce del fatto che nell’assestamento di bilancio che sarà in Aula la prossima settimana, e in particolare nel fondo di rotazione per l’edilizia sanitaria, sono stati stanziati ulteriori 60 milioni di euro per le opere collegate alla realizzazione del nuovo polo ospedaliero di Bergamo.

«La vicenda degli ex Ospedali riuniti è ormai molto complicata – dichiarano Martina e Barboni -. L’aumento dei costi di realizzazione e i problemi di costruzione, tra cui quello delle infiltrazioni d’acqua, devono trovare una risposta chiara e le responsabilità devono essere accertate».

«Abbiamo appreso in commissione Sanità dell’ulteriore stanziamento di risorse pubbliche, pari a più o meno sessanta milioni di euro, e questo conferma le nostre preoccupazioni e i nostri dubbi. Chiediamo all’assessore Bresciani di spiegare in commissione lo stato dell’arte, per quali specifici interventi saranno destinati i soldi del fondo di rotazione e quali sono le intenzioni dell’assessorato per garantire che il Papa Giovanni XXIII entri al più presto nella sua piena funzionalità e nella disponibilità dei bergamaschi».

Sull’argomento è intervenuto anche il consigliere comunale del Pd Claudio Crescini. Ecco il suo comunicato. «Il nuovo ospedale di Bergamo Beato Giovanni XXIII sta accumulando un crescente ritardo nella sua apertura ed un progressivo aumento dei costi. La prima pietra è stata posta il 26 luglio 2005 e l’inaugurazione era prevista per la primavera del 2010 per una durata complessiva dei lavori di 5 anni».

«Una serie di inconvenienti tecnici attribuibili in diversa misura alla progettazione, alla realizzazione e alle caratteristiche dell’area di costruzione dell’opera stanno ritardando in modo preoccupante la messa in funzione del nuovo ospedale che è stata riprogrammata , ma senza certezza, all’anno 2012 con un ritardo di due anni, mentre il vecchio ospedale di Largo Barozzi venne costruito in tre anni (1927-1930)».

«Per quanto riguarda l’aspetto economico il costo preventivato per la realizzazione dell’opera è passato da 340 milioni di euro a 420 ed è ancora in crescita e non è dato sapere a quanto ammonterà a lavori conclusi. A ciò si associa la problematica non indifferente per l’assetto urbanistico futuro della città di Bergamo della valorizzazione dell’area del vecchio ospedale la cui alienazione dovrebbe fornire, in base all’accordo di programma, una parte delle risorse economiche destinate a coprire il costo del nuovo».

«L’aumento dei costi potrebbe di conseguenza indurre Regione Lombardia a recuperare il massimo delle risorse economiche dalla vendita dell’area di Largo Barozzi con gravi e negative conseguenze per il territorio e gli abitanti. Una grande opera di questa importanza per la salute della popolazione e per il futuro della città deve al più presto essere completata superando tutte le difficoltà che sono insorte negli anni e che ancora sembrano essere presenti».

«Per questo il Consiglio Comunale di Bergamo su richiesta di un consigliere del Partito Democratico ha già effettuato due sopralluoghi al cantiere del nuovo ospedale, il primo nell’autunno 2010 e il secondo nella primavera 2011. Queste due visite hanno permesso ai consiglieri comunali di verificare lo stato dei lavori, di raccogliere una serie di informazioni sulle problematiche e sulle criticità ancora presenti e di esprimere il proprio sostegno e ringraziamento per il lavoro svolto all’Amministrazione Ospedaliera precedente ed attuale, entrambe impegnate fortemente nell’opera di realizzazione della struttura».

«Purtroppo ci troviamo spiacevolmente di fronte al dilatarsi dei tempi di realizzazione, all’assenza di certezze sulla data di apertura del nuovo ospedale, in presenza di un impegno economico crescente e non quantificabile e siamo tutti turbati da notizie incontrollate, contraddittorie e preoccupanti in merito ad ulteriori criticità a carico dell’opera».

«Per questo riteniamo indispensabile che tutta la popolazione bergamasca, che con fiducia e pazienza attende di vedere in funzione il nuovo ospedale, infrastruttura fondamentale per lo sviluppo di Bergamo, sia messa al corrente e costantemente aggiornata della reale situazione, dello stato dei lavori e anche dei problemi che ritardano od ostacolano l’inaugurazione in un quadro di informazione e trasparenza che non può non giovare alla realizzazione di un’opera fondamentale per tutta la comunità».

Pubblicato in Blog Dem, Sanità e welfare, Territorio | Taggato , , | Lascia un commento