Archivi categoria: Scuola

SCUOLA: MISIANI (PD) DEPOSITA INTERROGAZIONE AL MINISTRO BUSSETTI

“La situazione dei Direttori dei Servizi Generali e Amministrativi in provincia di Bergamo è ormai insostenibile, come denunciato anche dalle organizzazioni sindacali” dichiara Antonio Misiani, senatore PD. “E’ indispensabile che il ministero dell’istruzione si attivi al più presto, altrimenti numerose scuole bergamasche si troveranno nella sostanziale impossibilità di garantire il pubblico servizio loro attribuito. A questo scopo ho depositato oggi un’interrogazione al Ministro Bussetti, sollecitando un intervento in via d’urgenza che autorizzi in via straordinaria la copertura delle scuole anche tramite reggenza da parte di DSGA titolari di altra scuola, che attivi un supporto alle scuole attualmente impossibilitate ad effettuare pagamenti, che fornisca indicazioni operative e soluzioni per garantire le azioni amministrative e contabili indispensabili”
Continua a leggere

Pubblicato in Scuola | Taggato , | Lascia un commento

DIRIGENTI AMMINISTRATIVI: MISIANI (PD), INTERROGAZIONE AL MINISTRO BUSSETTI

“La questione dei posti vacanti di dirigenti amministrativi è oggettivamente seria e rischia, nonostante gli sforzi dell’ufficio scolastico provinciale, di compromettere l’operatività di otto istituti scolastici bergamaschi” dichiara Antonio Misiani, senatore PD. “Il problema è nazionale. Bisogna trovare in tempi rapidi una soluzione transitoria, nelle more del concorso già annunciato dal governo. Per questo presenterò un’interrogazione parlamentare sollecitando un intervento del ministro dell’istruzione Bussetti”

Pubblicato in Scuola | Taggato , | Lascia un commento

SCUOLA: MISIANI, IMPEGNO CONDIVISO PER RISOLVERE LA QUESTIONE DELL’USCITA DELLE MEDIE

La questione della presenza obbligatoria dei genitori all’uscita delle medie, che si ripropone ormai da parecchi anni, deve essere affrontata da tutte le parti in causa con buon senso e spirito costruttivo.
Ai legislatori spetta il dovere di colmare i vuoti normativi. Per questo, presenterò nei prossimi giorni un’interrogazione parlamentare al ministro Giannini sollecitando l’intervento del governo.
Ciò detto, le leggi e le circolari non sono una soluzione esaustiva. La questione va affrontata con la condivisione di tutti i soggetti interessati: scuola, genitori, istituzioni. Vi sono numerose esperienze – anche a Bergamo – di intese tra le scuole, i genitori e gli enti locali per creare percorsi sicuri che permettano di valorizzare l’autonomia dei ragazzi. Sono modelli positivi da estendere il più possibile. È questa, a mio giudizio, la strada maestra. Cambiare le norme laddove serve ma soprattutto costruire con il concorso di tutti città sicure e a misura dei ragazzi e delle loro famiglie.

Antonio Misiani
Deputato Pd

Pubblicato in Scuola, Territorio | Taggato , | Lascia un commento

PROF. LICENZIATO: MISIANI, BENE LA DECISIONE DEL GIUDICE. ORA SERVE SOLUZIONE PER GLI ALTRI CASI

La decisione del giudice del lavoro di Bergamo di reintegrare il prof. Stefano Rho, licenziato per non aver dichiarato un piccolo precedente penale di molti anni fa, è una bellissima notizia. Finalmente è stata ristabilita la giustizia e il buon senso, ponendo fine ad una vicenda paradossale che aveva danneggiato la credibilità della pubblica amministrazione. Ora va portato a termine il lavoro avviato dal governo e dal parlamento per impedire il riproporsi di vicende analoghe in futuro e risolvere le centinaia di casi simili a quello del prof. Rho. È necessario riaffermare un principio sacrosanto: la PA deve licenziare i lazzaroni e chi commette reati incompatibili con la funzione pubblica, non chi sbaglia in buona fede a compilare un modulo di autocertificazione. È un punto che va affrontato nel percorso di attuazione della riforma Madia, riportando ad una dimensione di equità i meccanismi sanzionatori nella pubblica amministrazione.

Pubblicato in Scuola | Taggato | Lascia un commento

CASO RHO: MISIANI (PD), PRESENTATA L’INTERROGAZIONE PARLAMENTARE

“Oggi ho presentato l’interrogazione parlamentare sul caso del prof. Stefano Rho. L’interrogazione, firmata anche dai colleghi Giovanni Sanga, Elena Carnevali, Beppe Guerini e Daniela Gasparini, è un passo indispensabile per sollecitare formalmente l’intervento del governo. Il nostro obiettivo è che vengano adottati tutti gli interventi necessari per permettere la reintegrazione del prof. Rho e dei suoi colleghi interessati da analoghi provvedimenti di decadenza ed evitare il riproporsi di sanzioni così assurde e sproporzionate in futuro. Bisogna ricondurre questa vicenda paradossale ad un principio di buon senso: lo Stato deve licenziare i fannulloni e i disonesti, non chi sbaglia in buona fede a compilare un modulo di autocertificazione”.
L’interrogazione, rivolta ai ministri della Semplificazione e Pubblica Amministrazione, dell’Istruzione, Università e Ricerca e dell’Economia e delle Finanze, ricostruisce le tappe della vicenda, tenendo conto anche dei casi analoghi (circa cinquanta) registrati nella provincia di Bergamo, e sollecita ai ministri interrogati una ricognizione su scala nazionale relativamente ai provvedimenti di decadenza ai sensi dell’art. 75 del DPR n. 445 del 2000 adottati dalle Amministrazioni dello Stato, con particolare riferimento agli Uffici scolastici territoriali, derivanti da dichiarazioni mendaci nelle dichiarazioni sostitutive di certificazioni, e l’adozione di interventi d’urgenza per superare le problematiche evidenziate nelle premesse, consentire la reintegrazione del prof. Rho e dei dipendenti colpiti da analoghi provvedimenti di decadenza ed evitare il ripetersi in futuro di casi simili, eventualmente circoscrivendo – mediante una circolare interpretativa – l’insussistenza di precedenti penali richiesta nelle dichiarazioni sostitutive di certificazioni ai precedenti risultanti dal certificato del casellario giudiziale o, preferibilmente, alle “condizioni ostative” di cui alla legge n. 16 del 1992.


Testo dell’interrogazione

​Al Ministro per la Semplificazione e la Pubblica Amministrazione
Al Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca
Al Ministro dell’Economia e delle Finanze

Oggetto: interrogazione a risposta scritta

Per sapere
Premesso che:
Stefano Rho, docente iscritto nelle graduatorie ad esaurimento della Provincia di Bergamo, negli anni scolastici 2013/14, 2014/15 e 2015/16 ha prestato servizio presso due diversi istituti scolastici di Bergamo in virtù di contratti a tempo determinato.
Il 24 novembre 2015 il prof. Rho è stato nominato nei ruoli provinciali del personale docente con decorrenza dall’1/9/2015 nell’ambito della fase C del piano straordinario di assunzioni di cui all’art. 1, commi 95 e seguenti della legge n. 107 del 2015
Con nota del 12/12/2013 il Dirigente dell’Ufficio scolastico di Bergamo contestava al prof. Rho di avere reso una dichiarazione mendace nella dichiarazione sostitutiva di certificazione prodotta in data 2/9/2013, in occasione della stipula del contratto a tempo determinato per l’insegnamento nell’anno scolastico 2013/14 presso l’Istituto scolastico “Natta” di Bergamo. L’Amministrazione riferiva di aver verificato, mediante acquisizione del certificato del casellario giudiziale, che il prof. Rho aveva riportato con sentenza 6/7/2006 del Giudice di Pace di Zogno (BG) la condanna al pagamento dell’ammenda di € 200,00 oltre alle spese processuali per il reato (ora illecito amministrativo) punito dall’art. 726 del Codice penale, per aver orinato nei pressi di un cespuglio in un piazzale adiacente alla pubblica via, in Comune di Averara (BG) il 15/8/2005.
L’Ufficio scolastico, acquisite le motivazioni addotte a propria discolpa dal docente (la convinzione che la suddetta condanna non fosse riportata nella sua fedina penale e che dall’omissione in parola non avrebbe comunque tratto alcun beneficio, stante l’irrilevanza della condanna penale al fine dell’integrazione dei requisiti di ammissione alle graduatorie ad esaurimento ed agli impeghi nella scuola) e ritenute le stesse plausibili, gli irrogava in data 6/2/2014 la sanzione disciplinare della censura.
A due anni di distanza, l’Amministrazione datrice di lavoro tornava sulla presunta falsità della dichiarazione sostitutiva del prof. Rho come conseguenza di una delibera del 26 marzo 2015 della Corte dei Conti, sezione di controllo per la Lombardia, su segnalazione della Ragioneria dello Stato di Bergamo che aveva contestato a carico del predetto Ufficio, di fronte a “false dichiarazioni degli assunti circa i propri precedenti penali, emersi a seguito dell’acquisizione della documentazione in originale”, l’irrogazione di sanzioni disciplinari in luogo dell’applicazione dell’art. 75 del DPR n. 445 del 2000 (che prevede la decadenza dai benefici ottenuti tramite la dichiarazione mendace). Rigettando le giustificazioni dell’Ufficio scolastico, rese anche sulla base di precedenti pareri dell’Avvocatura distrettuale dello Stato, la Corte dei Conti riteneva fondate le contestazioni dell’azione amministrativa dell’Ufficio scolastico di Bergamo avanzate nella relazione della Ragioneria dello Stato, evidenziando che la mera dichiarazione mendace contenuta in una dichiarazione sostitutiva di certificazione comportava automaticamente la decadenza ai sensi dell’art. 75 del DPR n. 445 del 2000, da considerare una sanzione amministrativa, e che l’Ufficio scolastico aveva ripetutamente omesso di applicare tale disposizione.
Con nota del 25/8/2015 l’Ufficio scolastico di Bergamo comunicava al prof. Rho l’avvio del procedimento per la dichiarazione di decadenza dall’iscrizione nelle graduatorie ad esaurimento del personale docente ed educativo per aver reso una dichiarazione mendace nella dichiarazione sostitutiva di certificazione prodotta e a conclusione del procedimento, con nota dell’11/1/2016, comunicata il 26/1/2016, dichiarava la decadenza del prof. Rho ai sensi dell’art. 75 del DPR n. 445 del 2000 con la risoluzione immediata, senza preavviso, del rapporto di lavoro, la perdita degli effetti giuridici del servizio prestato e la cancellazione da tutte le graduatorie provinciali ad esaurimento.
Tale provvedimento è apparso tanto abnorme da destare l’attenzione dei mezzi di informazione a livello nazionale e locale e una corale manifestazione di solidarietà da parte degli studenti, del personale della scuola, da rappresentanti delle istituzioni. Una petizione online lanciata sul sito Change.org a sostegno del prof. Rho ha raccolto fino ad oggi (8 febbraio 2016) oltre 36 mila sottoscrizioni.
Secondo quanto riportato da organi di stampa, nell’ultimo anno circa cinquanta tra professori, personale non docente e impiegati delle scuole bergamasche avrebbero perso il lavoro per non aver segnalato nel modulo di autocertificazione antiche condanne, nonostante la “non menzione” delle stesse nella certificazione del casellario giudiziale.
I provvedimenti che hanno colpito il prof. Rho così come numerosi altri dipendenti delle scuole bergamasche appaiono manifestamente ingiusti e sproporzionati sotto una pluralità di profili:
- la dichiarazione sostitutiva di certificazione in oggetto riproduce esattamente il contenuto della corrispondente certificazione amministrativa (il certificato “generale” e quello “penale” di cui agli articoli 24 e 25 del DPR n. 313 del 2002, in cui per espressa previsione di legge non sono riportate le iscrizioni relative ai “provvedimenti giudiziari emessi dal giudice di pace”);

- la formulazione del modulo predisposto dall’Amministrazione appare eccessivamente generica, in relazione al fatto che l’Amministrazione non può accedere indiscriminatamente ai dati giudiziari degli interessati ma soltanto alle “informazioni relative a stati, fatti e qualità personali previste da legge o da regolamento e strettamente necessarie per il perseguimento delle finalità per le quali vengono acquisite”, ai sensi dell’art. 16 DPR n. 445 del 2000). L’Amministrazione avrebbe dovuto predisporre il modulo di dichiarazione sostitutiva riferendo chiaramente la dichiarazione circa l’insussistenza di precedenti penali ad un preciso ambito: ai precedenti risultanti dal certificato del casellario giudiziale o, ancor meglio, alle “condizioni ostative” di cui alla legge n. 16 del 1992, cui fanno riferimento i requisiti di ammissione stabiliti per le procedure di reclutamento delle graduatorie ad esaurimento;

- le presunte dichiarazioni mendaci non dovrebbero comportare decadenza, non riguardando uno dei requisiti che condizionano l’iscrizione nelle graduatorie o l’assunzione in servizio. L’art. 75 del DPR n. 445 del 2000 prevede infatti la decadenza per i soli benefici conseguiti per effetto della falsa dichiarazione, cioè per quelli che il dichiarante non avrebbe ottenuto senza la falsa dichiarazione. Nel caso del prof. Rho così come per numerose altre vicende le condanne non riferite nelle autocertificazioni non integrano alcuna delle condizioni ostative di cui alla legge n. 16 del 1992. La mancanza del nesso di causalità tra la dichiarazione non veritiera e l’attribuzione del beneficio è costantemente ritenuta dalla giurisprudenza accertamento che impone di escludere in via assoluta la decadenza.

Se i Ministri interrogati sono a conoscenza di quanto riportato nelle premesse
Se intendano effettuare una ricognizione su scala nazionale relativamente ai provvedimenti di decadenza ai sensi dell’art. 75 del DPR n. 445 del 2000 adottati dalle Amministrazioni dello Stato, con particolare riferimento agli Uffici scolastici territoriali, derivanti da dichiarazioni mendaci nelle dichiarazioni sostitutive di certificazioni.
Quali interventi d’urgenza ritengano opportuno promuovere per superare le problematiche evidenziate nelle premesse, consentire la reintegrazione del prof. Rho e dei dipendenti colpiti da analoghi provvedimenti di decadenza ed evitare il ripetersi in futuro di casi simili, eventualmente circoscrivendo – mediante una circolare interpretativa – l’insussistenza di precedenti penali richiesta nelle dichiarazioni sostitutive di certificazioni di cui all’art. 46, comma 1, lettera aa) ai precedenti risultanti dal certificato del casellario giudiziale o, preferibilmente, alle “condizioni ostative” di cui alla legge n. 16 del 1992

Firmato:
Antonio Misiani
Giovanni Sanga
Elena Carnevali
Beppe Guerini
Daniela Gasparini

Pubblicato in Blog Dem, Scuola | Taggato , , | Lascia un commento

PROFESSORE LICENZIATO: MISIANI (PD), VICENDA ASSURDA, PRESENTERÒ UN’INTERROGAZIONE PARLAMENTARE

Il licenziamento del professor Stefano Rho, avvenuto sulla base di motivazioni degne di miglior causa, è francamente irragionevole e assurdo. Credo che su questo procedimento sia necessario acquisire tutti i chiarimenti necessari. Per questo motivo presenterò al più presto un’interrogazione parlamentare per sollecitare alla ministra della pubblica istruzione le informazioni e gli interventi normativi opportuni per porre rimedio a una vicenda del tutto paradossale.

Antonio Misiani
Deputato Pd

Pubblicato in Economia e lavoro, Scuola | Taggato , , | Lascia un commento

Misiani su Codussi: Finalmente ripartono i lavori

“E’ un primo, importante passo nella direzione giusta” inizia così il deputato Pd Antonio Misiani nel commentare la notizia sulla partenza dei lavori alla scuola Codussi di Bergamo “Sicuramente si tratta di una buona notizia. Finalmente ripartono i lavori, grazie alla presenza di un governo che vuole scommettere e investire sulla scuola e ad un’amministrazione efficiente come quella di Bergamo. Occorre però ribadire che le esigenze delle nostre scuole sono parecchie, soprattutto in fatto di ammodernamento e messa a norma. Il nostro impegno in Parlamento andrà perciò verso il rafforzamento del programma di edilizia scolastica promosso dal governo.”

Pubblicato in Blog Dem, Scuola | Taggato , , | Lascia un commento

Università virtuose: la Commissione bilancio Senato approva emendamento PD

La Commissione bilancio del Senato questa mattina ha approvato un emendamento al decreto legge 126/2013 presentato dalla senatrice Francesca Puglisi (PD) che recupera 40 milioni di euro iscitti nel conto residui del Ministero dell’Istruzione destinandoli al rifinanziamento del Fondo per il finanziamento ordinario delle Università negli anni 2014-2015. “Siamo molto soddisfatti per l’approvazione dell’emendamento” dichiarano i deputati bergamaschi del PD Antonio Misiani e Elena Carnevali. “Per settimane abbiamo lavorato insieme al ministro Carrozza, alla senatrice Puglisi e al presidente della Crui Paleari per recuperare le risorse da destinare alle Università virtuose che la Camera aveva bloccato. L’approvazione in Commissione bilancio è un primo passo estremamente importante verso l’approvazione finale di questa norma”.

Pubblicato in Blog Dem, Scuola | Taggato , , , , , | Lascia un commento

Misiani – Scuola, in tempi non facili abbiamo invertito una tendenza

Il decreto legge approvato oggi dal consiglio dei ministri rappresenta una buona notizia per la scuola italiana e bergamasca: lo Stato, finalmente, torna ad investire sulla formazione dei giovani.
In tempi non facili per la finanza pubblica il governo Letta ha invertito una tendenza negativa che durava da molto tempo. Il decreto – fortemente voluto dal PD – comprende interventi per il diritto allo studio scolastico e universitario e la riduzione del costo dell’istruzione per le famiglie, per l’orientamento e la lotta alla dispersione, con la continuità didattica all’educazione speciale attraverso l’adeguamento dell’organico di diritto dei docenti di sostegno, la qualificazione della funzione docente e la programmazione del reclutamento stabile degli insegnanti e del personale tecnico amministrativo, con l’avvio a soluzione del problema dei docenti inidonei. Positive anche le misure per promuovere l’uso della rete internet e per l’edilizia scolastica, con la cooperazione con la Banca Europea per gli investimenti.

Pubblicato in Blog Dem, Scuola | Taggato , , , | Lascia un commento

Serve un’alleanza con la Bergamo migliore

http://www.youtube.com/watch?v=xAQ5HJcNyNg&feature=player_embedded

BERGAMO — “Prima di ogni alchimia tra partiti, io dico che dobbiamo convincere i delusi dalla politica, chi si astiene, ma soprattutto dobbiamo allearci con la Bergamo migliore”. E’ il messaggio lanciato dal responsabile Enti locali del Pd Matteo Rossi, nella seconda parte dell’intervista rilasciata a Bergamosera.

“Se guardassimo a cosa sta accadendo nella società bergamasca – spiega il consigliere provinciale -, vedremmo che molte delle leadership di quei corpi intermedi che svolgono una funzione reale di cambiamento, dall’associazionismo della piccola e media impresa artigiana e cooperativa passando per i mondi del sapere e dell’università fino alle reti sociali laiche e cattoliche, stanno facendo un discorso pubblico nuovo. Sia perché rompe con un certo corporativismo, ma soprattutto perché supera una certa visione della bergamasca tutta piegata su un sviluppo fatto di meno diritti, scarsa istruzione, tanto lavoro e ancor più consumo del territorio”.

“In molti hanno capito che così non ci si salva e mettono al centro le parole d’ordine della formazione, dell’internazionalizzazione, della qualità, della sussidiarietà di territorio. Io spero e lavoro perché su questi presupposti possa nascere un’alleanza culturale ancor prima che politica tra questa Bergamo migliore che sta mettendo in campo una visione di futuro e un centrosinistra largo, con una forte impronta civica, rinnovato nelle idee e nelle facce. Penso che questo sia necessario soprattutto oggi che Lega e Pdl pare abbiano esaurito la loro funzione storica di rappresentanza rispetto a questi territori”.

Pubblicato in Ambiente e agricoltura, Blog Dem, Cultura e sport, Economia e lavoro, Idee e politica, Mobilità, Sanità e welfare, Scuola, Territorio | Taggato , , , , , , , , , | Lascia un commento