INFRASTRUTTURE: MISIANI (PD), BENE L’INIZIATIVA DELLE PARTI SOCIALI BERGAMASCHE. IL GOVERNO CAMBI ROTTA

La presa di posizione delle forze economiche e sociali bergamasche per sollecitare lo sblocco delle opere pubbliche infrastrutturali è molto positiva e pienamente condivisibile. L’economia italiana è ormai entrata in recessione e gli investimenti pubblici sono una variabile chiave per contrastare il deterioramento della congiuntura economica. Il governo sta invece portando il Paese in una direzione completamente sbagliata. La legge di bilancio ha ridotto di 2 miliardi le risorse disponibili per le spese in conto capitale. La verifica costi-benefici, a sua volta, sta paralizzando i cantieri delle grandi opere invece di accelerarli come sarebbe necessario. Una scelta doppiamente criticabile, dal punto di vista del nostro territorio: grandi opere come la TAV Torino-Lione e Brescia-Padova hanno un impatto molto grande sulla competitività del sistema produttivo di tutto il Nord, Bergamo compresa, e potrebbero contribuire ad attenuare lo scivolamento dell’intero Paese verso la recessione. Vanno sbloccate: in gioco ci sono investimenti per miliardi di euro e un potenziale occupazionale valutato in centinaia di migliaia di unità. Ci auguriamo che il governo ascolti con attenzione queste voci, dando seguito concreto alle proposte delle organizzazioni economiche e sindacali.

Articolo scritto in Idee e politica, Territorio e con i tag , .



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>