SICUREZZA: MISIANI (PD), DATI POSITIVI MA NON ABBASSARE LA GUARDIA

“I dati sull’andamento della criminalità sono positivi, ma non bisogna assolutamente abbassare la guardia” dichiara Antonio Misiani, senatore del PD. “Nella provincia di Bergamo nel 2017 i reati sono sensibilmente diminuiti, consolidando una tendenza in atto da anni. Questi numeri – che rendono evidente il carattere strumentale di tante polemiche politiche sul tema della criminalità – non devono però ridurre l’attenzione che le istituzioni nazionali e locali devono garantire alla domanda di sicurezza dei cittadini. L’incremento della presenza sul territorio delle forze dell’ordine è un primo obiettivo da continuare a perseguire con grande determinazione. Nei prossimi mesi, grazie allo sblocco del turnover e alle assunzioni straordinarie decise dal governo Gentiloni, il personale della Polizia di Stato in provincia di Bergamo verrà rafforzato con l’arrivo di quaranta agenti entro febbraio 2019. E’ un passo positivo e atteso da molto tempo, che deriva in primo luogo dalla costante sollecitazione messa in atto verso il ministero dell’interno dalle istituzioni locali e dalla delegazione parlamentare bergamasca. Bisogna andare avanti su questa strada. Un altro ambito di lavoro da valorizzare è la collaborazione con gli enti locali. Il comune di Bergamo rappresenta, sotto questo profilo, un modello molto positivo, grazie alle iniziative promosse dal vicesindaco Gandi, dall’istituzione del servizio di guardie giurate serali e notturne alle ordinanze antidegrado fino alla modernizzazione e al potenziamento del sistema di videosorveglianza. Sono misure da sostenere con grande convinzione, che dimostrano la volontà dell’amministrazione comunale di rispondere concretamente ed efficacemente alle istanze di tanti cittadini”.

Articolo scritto in Blog Dem, Territorio.



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>