Archivi del mese: agosto 2015

Monella: Misiani, il baratto di Calderoli non esiste

Non esiste alcun baratto sugli emendamenti di Calderoli. Evidentemente il senatore leghista teme la bocciatura in blocco dei suoi emendamenti-fotocopia e – anziché chiedere scusa per il tempo e i soldi fatti buttare agli uffici del Senato – sta cercando furbescamente una via d’uscita legando il ritiro degli emendamenti stessi ad una vicenda del tutto diversa, l’invio al presidente Mattarella degli atti sulla richiesta di grazia per Antonio Monella. È una idea strampalata, che la dice lunga sullo scarso senso delle istituzioni degli uomini di Salvini. In realtà, come mi ha ribadito anche oggi il ministro Orlando in un colloquio telefonico, il parere sulla richiesta di grazia sta seguendo l’iter previsto, che si concluderà, come annunciato da mesi, entro l’estate. La determinazione finale spetterà, come prevede l’articolo 87 della Costituzione, al presidente della Repubblica. Tutto il resto – compresi i tentativi maldestri di tirare in ballo anche il presidente Renzi – appartiene al teatrino delle strumentalizzazioni politiche, forse utili al senatore Calderoli per recuperare visibilità mediatica, assai meno per mantenere la vicenda di Antonio Monella al riparo da condizionamenti politici impropri e controproducenti.

Antonio Misiani, deputato PD

Pubblicato in Territorio | Taggato , , , | Lascia un commento

Profughi, Misiani (Pd): la Regione aiuti i comuni invece di minacciarli

“L’accoglienza ai profughi è materia molto delicata, da affrontare seriamente, senza nessun tipo di allarmismo. Proprio l’esatto contrario di quanto fa l’assessore Terzi. La minaccia al parco dei colli di riduzione dei fondi regionali è pura propaganda e come tale va trattata, rispedendola al mittente. La regione dovrebbe svolgere il suo compito supportando i comuni, invece di interferire indebitamente nelle scelte che gli amministratori locali sono chiamati a fare di fronte all’emergenza profughi.”

Pubblicato in Blog Dem, Territorio | Lascia un commento

ENTI LOCALI: MISIANI, L’APPROVAZIONE DEL DECRETO È UN BEL PASSO AVANTI

L’approvazione definitiva a larga maggioranza del decreto enti locali rappresenta un bel passo in avanti per il sistema delle autonomie locali. L’attuazione della riforma Delrio viene rimessa in carreggiata, con la rimozione dei principali ostacoli per l’approvazione dei bilanci preventivi di province e città metropolitane e sanzioni per le regioni inadempienti. I comuni ricevono 530 milioni per compensare il minor gettito Imu e Tasi. Vengono recepite e attuate tutte le intese intercorse in questi mesi tra il governo, le regioni e gli enti locali, comprese quelle in campo sanitario. I benefici per gli enti locali bergamaschi sono rilevanti, dall’allentamento del patto di stabilità per oltre 27 milioni all’alleggerimento di quasi 30 milioni di euro della situazione finanziaria della provincia. Molto lavoro rimane da fare, in vista della sessione di bilancio autunnale, ma i nodi più delicati rimasti aperti dopo l’approvazione della legge di stabilità 2015 sono stati affrontati. La genesi del decreto è stata lunga e faticosa: risale al 10 marzo la lettera che 36 deputati del Pd hanno indirizzato a Renzi sollecitando un provvedimento urgente per gli enti locali (primo firmatario il sottoscritto). Ma ora, finalmente, il Parlamento ha messo un punto fermo con la condivisione di tutte le rappresentanze degli enti territoriali.

Pubblicato in Blog Dem, Economia e lavoro, Territorio | Taggato , , , | Lascia un commento