Archivi tag: demanio idrico

Acque e centrali al territorio?

EMENDAMENTO_L.R._12.12.2003_N._26_ART_53_BIS_GRANDI_DERIVAZIONI_AD_USO_IDROELETTRICO

Turbina Pelton

Turbina Pelton

Scarica il testo dell’emendamento che verrà discusso in Consiglio il 23 dicembre 2010.

Costanzo (PD): avviata la discussione in commissione bilancio dell’emendamento che prevede disposizioni in materia di derivazioni ad uso idroelettrico
È approdato in Commissione Bilancio l’emendamento alla legge regionale n. 26/3002 che disciplina la compartecipazione della Provincia e gli enti locali, attraverso una società patrimoniale, alla gestione degli impianti idroelettrici.
Soddisfazione è stata espressa dal consigliere del PD Angelo Costanzo. “E’ un punto di partenza importante – dichiara il consigliere – ma molta strada si dovrà ancora percorre per ottenere appieno il risultato sperato e atteso dalle popolazioni di Valtellina e Valchiavenna”.
Costanzo ha portato un contributo molto costruttivo al dibattito interloquendo in Commissione con l’Assessore Raimondi e il Consigliere Parolo.
“Vi è la necessità di riequilibrare il testo proposto con maggiore ruolo del territorio rispetto alla Giunta Regionale” ha affermato Costanzo, ribadendo che manca ancora un tassello importante, come il trasferimento delle competenze del demanio idrico, per parlare di vero federalismo. Se la Provincia avesse le competenze sul demoanio idrico i produttori di energia idroelettrica dovrebbero trattare direttamente con il territorio, come avviene a Trento e Bolzano, e non con la Regione e con Formigoni.”
Secondo il Consigliere Costanzo “va aumentata la quota, che nell’emendamento viene prevista in misura non inferiore al 50%, delle somme che le aziende idroelettriche devono pagare per la “proroga” delle concessioni. Quelle risorse devono servire a finanziare interventi di miglioramento ambientale dei territori interessati e non al bilancio regionale”.
L’emendamento, perché di questo si tratta e non di una legge ad hoc, prevede un corrispettivo economico pagato dai produttori d’energia idroelettrica alle società patrimoniali costituite dagli enti locali.
Un corrispettivo suddiviso in due quote, uno legato direttamente alla potenza nominale media dell’impianto e l’altra rispetto all’effettiva produzione d’energia realizzata e valorizzata in base alla collocazione sul mercato elettrico nel rispetto del normale rendimento del mercato.
Su questi temi il Consigliere regionale del Pd ha evidenziato che “la norma va affinata e chiarita introducendo un collegamento forte tra produzione e rispetto dei deflusso minimo vitale dell’acqua in alveo dei fiumi e dei torrenti e la necessità di prevedere un sistema di calcolo del corrispettivo non basato sulla collocazione della “borsa energetica” che potrebbe favorire i concessionari a discapito del territorio”.
Costanzo nella dichiarazione di voto in commissione Bilancio ha espresso, a nome del gruppo del Pd, il voto favorevole all’emendamento dell’Assessore Marcello Raimondi.
Il Consigliere del Pd ha annunciato che in aula, durante la discussione del 23 dicembre 2010, presenterà degli emendamenti migliorativi per valorizzare maggiormente il territorio.
Milano, 1 dicembre 2010

Pubblicato in Ambiente e agricoltura | Taggato , | Lascia un commento

Finalmente la firma di Formigoni

Finalmente la firma dell’accordo per la tutela dei fiumi e dei torrenti locali. “Era ora che giungesse, dopo un anno, la firma di Formigoni dell’accordo per la tutela dei fiumi e dei torrenti locali”. Così il consigliere del Pd Angelo Costanzo ha commentato la firma del Presidente della Lombardia per un accordo da lui sollecitato da tempo per l’importanza che riveste per la provincia di Sondrio. “Non posso che essere contento ed unirmi alla soddisfazione del presidente dell’Amministrazione provinciale Sertori. Finalmente con l’accordo si dà continuità alla richiesta di moratoria che nel 2006 era stata inserita in finanziaria grazie ad un emendamento trasmesso, dal mio ufficio, ad Enrico Morando Presidente della commissione Bilancio (allora senatore dei Democratici di Sinistra). Senza la disponibilità di Morando e il lavoro della Commissione ambiente del Senato, che nel 2006 era venuta in visita a Sondrio, il percorso della moratoria non si sarebbe mai avviato. Per questo mi sembra giusto riconoscere anche il lavoro dell’ex Senatore Gianni Confalonieri, artefice della visita a Sondrio della Commissione, e di tutte le istituzioni coinvolte, lo Iaps e Legambiente. La sfida adesso sarà l’applicazione dell’accordo per evitare che vengano concesse ulteriori captazioni idroelettriche dei fiumi e dei torrenti”. Rimane l’obiettivo del trasferimento delle competenze del Demanio Idrico per il quale esiste una proposta di legge del consiglio provinciale votata all’unanimità e il primo progetto di legge della IX legislatura presentato da me e sottoscritto anche dal consigliere Parolo.
“Dipenderà tutto dalla coerenza politica del Pdl e della Lega, sottolinea Costanzo, Chi governa la Lombardia, Lega compresa, può approvare quella legge così avremo maggiore potere contrattuale nei confronti dei concessionari idroelettrici. Se non si sono ancora trasferite le competenze del demanio idrico alla Provincia di Sondrio è per una evidente mancanza di volontà politica da parte di Formigoni”.

Milano, 25 novembre 2010

Pubblicato in Ambiente e agricoltura | Taggato , , | Lascia un commento

Bocciato il trasferimento delle competenze per il demanio idrico alla provincia di Sondrio: grazie Lega!

Centrale idroelettrica di Grosotto

Centrale idroelettrica di Grosotto

Durante l’ultima campagna elettorale, la Lega e il Pdl hanno affisso in tutta la provincia manifesti con il richiamo al trasferimento del demanio idrico alla Provincia di Sondrio. In provincia urlano e promettono ma quando si devono prendere le decisoni che contano votano contro l’interesse del territorio. La Lega e il PDL nella seduta del 23 giugno 2010 hanno bocciato il trasferimento del demanio idrico proposto con un mio emendamento. Per questo motivo ho deciso di scrivere una lettera aperta a tutti gli ammministratori e rappresentanti di categoria della provincia di Sondrio per fare emergere le contraddizioni e l’incoerenza della Lega e del PDL che hanno approvato un ordine del giorno (ODG 000017) dal “grande” risultato politico-istituzionale  che impegna la Giunta a:  “considerare l’opportunità di un maggiore coinvolgimento delle Province nell’esercizio delle funzioni amministrative…..”. Grazie Lega e Pdl.

Angelo Costanzo Consigliere regionale del PD

Scarica la lettera. Lettera ai Sindaci. Demanio Idrico – esito Consiglio Regionale del 23.06.2010

Scarica gli emendamenti discussi in Consiglio regionale.odg 000015 Partito Democratico Demanio Idrico - odg 00014 della Lega presentato e ritirato – demanio idricoodg 000017 Lega PDL approvato – demanio idrico

Pubblicato in Ambiente e agricoltura | Taggato , | Lascia un commento

Il primo progetto di legge della IX legislatura riguarda il trasferimento del demanio idrico

Cascata La Pirla in Valgrosina

Cascata La Pirla in Valgrosina

 

Durante la prima seduta del consiglio regionale Angelo Costanzo ha presentato, come primo firmatario, assieme a tutti gli altri Consiglieri del PD, un Progetto di Legge Regionale sulla trasferimento della gestione del demanio idrico alla Provincia di Sondrio. Su richiesta del consigliere PD anche Ugo Parolo ha sottoscritto il PDL. “Ho ritenuto opportuno – dichiara Costanzo – coinvolgere anche, e li ringrazio per la collaborazione, il Consigliere della Lega Ugo Parolo che, su mia richiesta, ha sottoscritto il PDL. L’iniziativa è stata sicuramente agevolata dall’approvazione, dello stesso testo, all’unanimità dal Consiglio Provinciale di Sondrio nel mese di Febbraio 2010.
Scarica il PDL n.1 della IX legislatura. PDL n.1 Gestione del demanio idrico alla provincia di Sondrio

Pubblicato in Ambiente e agricoltura | Taggato | Lascia un commento