Archivi tag: primarie

Bene così

Grande soddisfazione per il risultato delle primarie di Bergamo, Cremona e Pavia. Molto bene i candidati sostenuti dal PD. La partita vera inizia adesso!Un grosso in bocca al lupo a Giorgio Gori, Gianluca Galimberti e Massimo De Paoli.

Questo e’ il primo passo per strappare al centrodestra i tre capoluoghi alle prossime elezioni amministrative. Anche attraverso i progetti di buon governo delle citta potremo infatti costruire la svolta nel paese.

I RISULTATI DEFINITIVI

Bergamo
2765 votanti
764 voti Nadia Ghisalberti (27,74%)
1612 voti Giorgio Gori (58,53%)
378 voti Luciano Ongaro (13,73%)

Cremona
2327 votanti
Gianluca Galimberti 1.650 voti (71,09%)
Paolo Carletti 168 voti (7,24%)
Rosita Viola 503 voti (21,67%)

Pavia
848 votanti
Massimo De Paoli 752 voti (89%)
Gigi Furini 93 voti (11%)

Pubblicato in Idee e politica | Taggato , , , , | Lascia un commento

Appello delle donne democratiche per Alessandro Alfieri

APPELLO DONNE DEMOCRATICHE PER ALESSANDRO ALFIERI 

Carissime e carissimi,

scriviamo questa lettera per manifestare il nostro sostegno ad Alessandro Alfieri alle elezioni primarie per la scelta del segretario regionale.

Siamo parlamentari, consigliere regionali, sindache, amministratrici locali, portavoci di circolo, componenti delle assemblee provinciali, democratiche del territorio e abbiamo deciso di sostenere Alessandro perché crede nel talento e nella carica di innovazione che portano le donne e si indigna per lo spreco di risorse e intelligenze femminili inutilizzate ed escluse dai circuiti decisionali e dalle leve di comando.

Crede che nell’evoluta Lombardia non sia più pensabile avere tassi di occupazione femminile ben sotto la media europea.

Si è impegnato a fondo nella sua attività per rimuovere gli ostacoli culturali e sociali alla valorizzazione femminile e  per dare pari opportunità alle donne e agli uomini, promuovendo il merito.

Tra le molte proposte, Alessandro si è schierato per l’introduzione della doppia preferenza di genere nella legge elettorale regionale, per implementare le politiche di conciliazione e di sostegno alla maternità a favore delle donne lombarde e per lo sviluppo di politiche di welfare compatibili con questa visione, per  aumentare i fondi a sostegno dell’imprenditoria femminile e a sostegno del lavoro delle donne (con particolare attenzione alle lavoratrici che hanno perso il lavoro), per garantire la presenza femminile nei consigli d’amministrazione delle società partecipate dalla Regione, ponendosi come obiettivo il 50/50.

Per questo, e per molto altro, riteniamo Alessandro Alfieri la persona che può costruire, insieme a noi, una squadra vincente in vista delle prossime elezioni regionali.

 

Sara Valmaggi Vice Presidente Consiglio Regionale,

Laura Barzaghi, Consigliera Regionale,

Sen. Erica D’Adda,

On. Maria Chiara Gadda,

On. Patrizia Toia,

On. Chiara Braga,

On. Miriam Cominelli,

On. Elena Carnevali,

On. Marina Berlingheri,

On. Giovanna Martelli,

On. Lia Quartapelle,

On. Simona Malpezzi,

Sen. Emilia De Biasi,

On. Daniela Gasparini,

On. Alessia Mosca,

On. Chiara Scuvera,

Ilaria Cova, Maddalena Cattaneo, Bandera Serafina, Andrè Cesareo, Elena Bernardini, Piera Landoni, Elena Del Giorgio, Luisa Oprandi e tante altre ancora si stanno aggiungendo.

Pubblicato in Blog Dem, Idee e politica | Taggato , , , , , , , | Lascia un commento

#Lombardia2018

Domenica 16 febbraio si terranno le primarie per scegliere il nuovo segretario del Partito Democratico della Lombardia. Saranno primarie aperte, potranno infatti votare tutti i lombardi che abbiano compiuto 16 anni.

Come vi avevo anticipato ho scelto di candidarmi e di impegnarmi per costruire un PD lombardo forte e autonomo che si ponga l’obiettivo ambizioso di vincere le prossime elezioni regionali. E per poterlo fare bisogna prendere atto anche degli errori commessi in passato. Nello scorso febbraio abbiamo perso una grande occasione. Non siamo riusciti a capitalizzare la fine, a tratti drammatica, dell’era Formigoni. Un’agonia oscura, piena di ombre e inchieste che hanno minato la credibilità dell’istituzione regionale, per anni orgoglio dei lombardi.

Senza dubbio la scelta dell’election day ci ha penalizzato, ma è altrettanto vero che i tempi stretti per la scelta del candidato e della sua squadra ci hanno reso più difficile convincere gli elettori. Soprattutto quelli che mai ci avevano votato. Nelle comunità più piccole e nelle aree periferiche, dove i messaggi di cambiamento vengono recepiti più lentamente, abbiamo ottenuto i risultati più deludenti, allargando ulteriormente la forbice del consenso rispetto all’area milanese e ai capoluoghi di provincia.

Ciononostante, in questi anni è cresciuta una nuova classe dirigente che si è formata assumendosi responsabilità nelle amministrazioni locali e nel partito. E oggi, forti di queste esperienze e consapevoli delle difficoltà incontrate, intendiamo candidarci alla guida del Partito Democratico lombardo. Con il compito principale di costruire per tempo un progetto vincente. Aperto alla grande ricchezza dei movimenti civici lombardi, ma senza per questo rinunciare alla centralità del Partito Democratico. Nelle persone e nelle idee.

A questo link è possibile scaricare “#Lombardia2018 – idee e riflessioni a sostegno della candidatura di Alessandro Alfieri a segretario regionale del PD” un testo aperto a contributi e al confronto.

Sul sito www.alessandroalfieri.it trovate il racconto di questa campagna elettorale e tutti i materiali del congresso regionale.

Pubblicato in Idee e politica, Territorio | Taggato , , , , , , , | Lascia un commento

Il mio impegno, Lombardia 2018

Il cambiamento è in atto nel Partito Democratico:prima i congressi provinciali, poi la partecipazione straordinaria alle primarie nazionali con la vittoria di Matteo Renzi. Ora manca solo la tappa regionale: a breve verrà decisa la data per il congresso che si terrà molto probabilmente nella prima metà di febbraio 2014.

Da parte mia ho deciso di impegnarmi in Lombardia e di candidarmi alla Segreteria Regionale. Il mio progetto ha un nome, “Lombardia 2018″, e un’ambizione che spero di condividere con tanti: costruire un PD lombardo forte e autonomo. Non mi interessa sapere se le persone che mi sosterranno hanno votato Cuperlo, Civati o Renzi, ma che condividano questo progetto. Il 2018 può sembrare un orizzonte lontano, ma non lo è se lavoreremo per costruire dal basso una classe dirigente pronta a vincere.
Pubblicato in Blog Dem, Idee e politica, Territorio | Taggato , , , , , , , | Lascia un commento

Primarie 8 dicembre, festa di democrazia

Ottomila volontari per quasi 1.300 seggi in tutta la Lombardia. Quella di domenica 8 dicembre sarà una grande festa di democrazia in cui tutti saremo chiamati a fare la nostra parte per decidere chi guiderà il Partito Democratico nei prossimi quattro anni. Il nostro è l’unico partito che si apre non solo agli iscritti, ma anche a tutti gli elettori che si riconoscono nelle nostre proposte.
Si può votare dalle 8 alle 20: hanno diritto al voto tutti i cittadini e le cittadine che abbiano compiuto 16 anni (per i minorenni è necessario registrarsi prima on line). Per votare bisogna presentarsi al seggio con il documento d’identità e la tessera elettorale. Per i non iscritti al partito è richiesto un contributo di 2 euro. Sul sito del PD nazionale ci sono tutte le informazioni per trovare il proprio seggio e le istruzioni per chi ha bisogno di votare fuori sede.
Qui invece trovate i novanta seggi organizzati in tutta la provincia di Varese.

Pubblicato in Blog Dem, Idee e politica | Taggato , , | Lascia un commento

Insieme ad Ambrosoli

Che giornata! Nonostante il freddo e la neve oltre 150.000 cittadini hanno votato per le primarie regionali. Tutto questo è stato reso possibile da migliaia di volontari - ai quali va davvero un grande grazie, oltre 1.000 erano i seggi aperti in tutta la regione – e dalla voglia dei lombardi di reagire e di riscattare il declino formigoniano che sembra senza fine.

Umberto Ambrosoli ha vinto bene, con oltre il 58% dei voti. Ma va riconosciuto anche il contributo di Andrea Di Stefano e di Alessandra Kustermann, indispensabile per il successo della consultazione.

Questi numeri sono senza dubbio il miglior trampolino di lancio per una campagna elettorale che sarà inevitabilmente breve ma che ci vedrà impegnati per vincere. Per ridare ai cittadini lombardi delle istituzioni in cui siano fondanti i valori della legalità, della trasparenza e della competenza.

Insieme a Umberto Ambrosoli, per governare e cambiare la nostra Lombardia.

Pubblicato in Idee e politica, Territorio | Taggato , , , , , , , , , | Lascia un commento

Si rispettino le regole

E’ chiaro a tutti che ora l’obiettivo è salvaguardare il successo delle primarie. Lo straordinario momento di democrazia del 25 novembre. Per il bene del Pd e delcentrosinistra.

Solo un’intesa tra Bersani e Renzi può evitare la confusione in vista del ballottaggio.

Però non si può mistificare la realtà, accusando il Sindaco di Firenze di voler cambiare o forzare le regole quando è esattamente successo il contrario.

Voglio essere preciso e netto su questo.

Il regolamento delle primarie, approvato il 19 ottobre 2012, dal Comitato nazionale dei garanti, recita all’articolo 14 comma 4: “Possono altresì partecipare al voto coloro che dichiarino di essersi trovati, per cause indipendenti dalla loro volontà, nell’impossibilità di registrarsi all’Albo degli elettori entro la data del 25 novembre, e che, in due giorni compresi tra il 27/11 e il 01/12, stabiliti con delibera dal Coordinamento nazionale,  sottoscrivano l’Appello pubblico in sostegno  della Coalizione di centro sinistra “Italia  Bene  Comune” e quindi si iscrivano all’Albo  degli elettori” .

Correttamente poi il Coordinamento nazionale emana la delibera numero 21che ribadisce il vincolo della sola dichiarazione che autocertifica le causa indipendente dalla propria volontà e precisa i giorni della registrazione. Il sistema era così già perfettamente compiuto. Non vi era bisogno di ulteriori delibere integrative.

Lunedì 26 novembre, dopo i risultati del primo turno, il Coordinamento nazionale emana la delibera numero 25 che inserisce il controllo delle motivazioni e stabilisce che sarà il coordinamento provinciale (dove il rappresentante di Renzi non ha diritto di voto) a decidere con discrezionalitàchi potrà votare o no, in base alla consistenza delle motivazioni. Facendo saltare così il principio dell’autocertificazione.

“Spetta al  Coordinamento provinciale valutare  la consistenza o meno delle cause, indipendenti dalla volontà dell’elettore, che ne hanno impedito l’ iscrizione all’Albo degli elettori entro il 25 novembre, ovvero la preiscrizione on-line. Il Coordinamento provinciale, con voto unanime, decide se ammettere o meno  la registrazione all’Albo degli elettori”.

Vengono quindi modificate le regole in corsa, contraddicendo l’art. 14 comma 4 del regolamento, che è la fonte superiore. In quest’ottica l’operazione del sito www.domenicavoto.it è una reazione – certamente opinabile – di legittima difesa.

Ognuno può pensarla come vuole in materia. Mi premeva però ricordare i fatti. Adesso possiamo solo appellarci al buon senso dei Coordinamenti provinciali. 
Pubblicato in Idee e politica | Taggato , , , , , | Lascia un commento

Domenica al voto!

Mancano ormai pochi giorni alle elezioniprimarie del centrosinistra. Domenica 25 novembre si terranno infatti delle vere e proprie primarie per l’Italia; in questo momento difficile per il Paese, milioni di cittadini e cittadine si recheranno ai seggi per scegliere il loro candidato premier. I sondaggi ci dicono che il Partito Democratico sta recuperando energie e consensi grazie ad una competizione per la prima volta vera e autentica. E’ questa però una grande responsabilità, anche alla luce di un centro-destra frammentato e incapace di resistere al declino del berlusconismo. Abbiamo quindi il compito di organizzare per domenica una grande festa di democrazia. Più saranno i votanti, più avremo le carte in regola per proporre un progetto di governo credibile e fortemente radicato, che restituisca un po’ di speranza agli italiani.

Domenica saranno 111 i seggi allestiti in provincia di Varese, tutto questo grazie alla straordinaria passione e disponibilità di centinaia di volontari che terranno aperte sedi di partito, sale civiche, comuni, biblioteche, scuole etc. Li voglio fin da subito ringraziare.

Invitando a partecipare tutti coloro che vedono in queste primarieun’occasione di riscatto per la buona politica, vi posto l’elenco di tutti i seggi della provincia di Varese, i seggi del nord e quelli del sud. 

Pubblicato in Idee e politica | Taggato , , , , , , , , | Lascia un commento

Quattro anni ancora

Quattro anni fa ero al Grant Park di Chigaco ad ascoltare, emozionato, il discorso da neo Presidente di Obama, un discorso cheaveva dato tanta speranza agli Stati Uniti e al mondo intero spettatore.

Questa notte ho seguito lo spoglio dei voti da casa, cercando di tenere vivaquella fiammella di speranza di cambiamento che ancora non si è spenta dopo quattro anni.

La conferma di Obama è unabuona notizia per l’Italia e per l’Europa.

L’auspicio è ora che, sulla scia di questo successo, nella campagna elettorale delle primarie italiane si discuta più di Europa e di politica internazionale.Perché è chiaro che dalla crisi non ne usciremo da soli. 

Pubblicato in Idee e politica | Taggato , , , , , , , , , | Lascia un commento

Nomine in sanità, sbagliato il metodo della Regione

È negativo il mio giudizio e quello dell’intero Pd sul metodo con cui sono state definite le nomine dei direttori generali della sanità lombarda, rese note oggi dalla Regione. Abbiamo insistito perché nella scelta dei direttori generali prevalessero la trasparenza e la valorizzazione della qualità professionale anziché le logiche da bilancino propugnate dall’assessore leghista Luciano Bresciani. A nostro avviso il limite d’età, il limite dei due mandati e la valutazione dei curricula da parte di alte professionalità doveva essere sancito tramite una specifica norma. Allo stesso modo la condivisione con il territorio si è dimostrata solo tardiva e fittizia. Un sistema senza regole chiare lascia spazio solo alla voracità e agli interessi di partiti, correnti e movimenti: quello che è puntualmente avvenuto.
In questo contesto, è però positiva la conferma di Walter Bergmaschi al vertice dell’azienda ospedaliera di Varese.

Pubblicato in Sanità e welfare | Taggato , , , , , | Lascia un commento