Archivi del mese: febbraio 2017

Zes, ho scritto tutti i sindaci della provincia di Varese. Non si tutela così il territorio

La proposta di Regione Lombardia non ha i requisiti minimi per essere nemmeno discussa in Parlamento. Non si tutela così il territorio, ma costruendo percorsi percorribili e solidi che mettano il nostro tessuto produttivo nelle condizioni di poter reggere la concorrenza non solo con il Canton Ticino ma anche con le aree più sviluppate e attrattive d’Europa.

Mi riferisco al dibattito sull’istituzione di una zona economica speciale (ZES) a seguito dell’iniziativa, intrapresa dal consigliere regionale Luca Marsico, di sollecitare i Sindaci per l’approvazione di una mozione a sostegno della proposta di legge approvata dal Consiglio Regionale nel luglio 2014.

Così come formulata, la proposta di legge inviata a Roma non ha i requisiti per essere approvata dal Parlamento. Il testo infatti non è accompagnato da una relazione che, sulla base dei dati economici e sociali, illustri adeguatamente le condizioni di peculiarità del territorio e quindi la motivazione per l’introduzione di speciali forme amministrative e fiscali; l’articolazione non risulta compatibile con la normativa europea in materia di mercato unico e di aiuti di stato alle imprese; si assume in modo incongruo come delimitazione geografica per la ZES quella dei comuni in cui vige lo “sconto benzina”; è problematica la quantificazione del fabbisogno finanziario e della relativa copertura. Inoltre la proposta non affronta in nessun modo temi cruciali come la semplificazione burocratica o l’internazionalizzazione delle imprese, istanze che emergono con forza dal territorio.

Il modo più adeguato per esprimere un appoggio forte ed efficace alla richiesta di riconoscere le peculiarità territoriali della provincia di Varese non è tanto nel richiedere al Parlamento l’esame immediato – ma dall’esito segnato – di una proposta legislativa incompleta, quanto nel domandare al Consiglio regionale della Lombardia di revisionarne in tempi brevi il testo per renderlo effettivamente sostenibile, impegnando tutti i parlamentari del territorio a sostenerne l’iter successivo. Chiedo alla maggioranza di affrontare con serietà questo tema e di riportarlo rapidamente in Consiglio regionale visto che mancano meno di dieci mesi al termine della legislatura. In caso contrario sarà evidente che questa iniziativa è l’ennesimo teatrino elettorale che non porterà alcun beneficio al territorio.

Per questo ho scritto a tutti i sindaci della provincia di Varese illustrando tutte le mancanze e le debolezze della proposta approvata in Consiglio regionale, invitandoli a sostenere presso Regione Lombardia la richiesta di ridiscussione della proposta di legge al Parlamento, anche tramite una mozione da approvare nei consigli comunali.

Pubblicato in Blog Dem, Idee e politica | Taggato | Lascia un commento