Archivi del mese: giugno 2013

Cento giorni

Ieri la Cisl Lombardia ha commentato duramente i primi tre mesi della nuovo governo lombardo.

Abbiamo sentito tante dichiarazioni d’intenti: sul lavoro, sull’anticipo della cassa, sugli incentivi per le assunzioni, sui giovani, su interventi sull’Irap per chi assume, sul rilancio dell’apprendistato, sulle iniziative per tenere qui le nostre aziende e sull’attrattività degli investimenti, su un fondo per la famiglia e le fragilità, sui fabbisogni abitativi. Ma ad oggi non possiamo che tracciare un bilancio fallimentare, su tutti i fronti”, ha dichiarato il segretario  generale Petteni.

La Cisl ha ragione, i primi cento giorni della giunta Maroni non hanno dato le risposte che la crisi economica richiede. C’è stata, è vero, una buona decisione sull’anticipo della cassa in deroga, peraltro su indicazione unanime delle forze politiche, ma sull’accompagnamento degli imprenditori e delle aziende in questa fase difficile non abbiamo visto grandi novità rispetto al passato. Le emergenze sono l’accesso al credito, l’armonizzazione degli strumenti per sbloccare i pagamenti della pubblica amministrazione e il sostegno dell’occupazione giovanile. Per fare questo occorre superare la logica dei contributi a pioggia senza verifica dei risultati, come ha ben riassunto Petteni parlando di “mancette”.

Proprio sull’attività del nuovo governo regionale mi confronterò questa sera alle 19.00, a Varese presso Ville Ponti, all’Assemblea annuale della Compagnia delle Opere, insieme al Presidente della Giunta di Regione Lombardia Roberto Maroni e il Presidente del Consiglio Regionale Raffaele Cattaneo.

Pubblicato in Blog Dem, Economia e lavoro, Idee e politica | Taggato , , , , , , , , , , , , | 1 commento

Moratoria centri commerciali

E’ stata approvata oggi all’unanimità la proposta di legge sulla moratoria di 6 mesi all’autorizzazione di nuovi centri commerciali in Lombardia (fatto salvo quelle opere e quegli interventi previsti in accordi di programma promossi da Regione Lombardia che siano funzionali alla realizzazione di Expo 2015).

E’ senza dubbio una vittoria per il Pd. La moratoria è stata resa effettiva solo grazie al lavoro dell’opposizione che è riuscita, attraverso il voto segreto, a bloccare i tentativi di vanificare gli effetti della moratoria stessa,impedendo l’approvazione della deroga agli ampliamenti e alle strutture che avevano già iniziato iter di approvazione. Con il voto di oggi speriamo che possa iniziare effettivamente un percorso nuovo e che la maggioranza abbandoni la retorica piena di contraddizioni che ha fatto sì che Lega e Pdl abbiano, in questi anni, autorizzato lo sviluppo selvaggio della grande distribuzione sul territorio lombardo.
Come Pd abbiamo inoltre fatto approvare un ordine del giorno affinché la programmazione commerciale regionale possa, d’ora in avanti, essere fatta tenendo conto anche degli effetti sovra comunali di area vasta, del consumo di suolo per i comuni coinvolti, del potenziale sfruttamento delle aree dismesse, degli effetti che le grandi strutture di vendita generano sui centri naturali del commercio e più in generale sui centri storici e sugli equilibri socioeconomici locali. L’ordine del giorno invita la Giunta, entro i termini della moratoria (6 mesi), a estendere il confronto a tutti i comuni interessati dall’insediamento di una nuova struttura e a prevedere nuovi strumenti di perequazione territoriali volti a riequilibrare, tra i comuni coinvolti, gli effetti indotti dalle grandi strutture.
Negli ultimi 6 mesi in Lombardia sono stati autorizzati oltre 300 metri quadri al giorno di nuovi centri commerciali, supermercati, ipermercati, outlet.
Pubblicato in Economia e lavoro, Territorio | Taggato , , , , , , , , | Lascia un commento

No alla Elcon

Nella seduta di ieri il Consiglio regionale della Lombardia ha approvato all’unanimità la mozione del PD, che ho presentato come primo firmatario, contro la realizzazione dell’impianto per il trattamento di rifiuti industriali liquidi pericolosi,da parte di Elcon Italy srl, nell’area ex Montedison tra Castellanza e Olgiate.

Il documento approvato impegna la Giunta regionale “attese le criticità ambientali emerse nel corso del procedimento amministrativo e la contrarietà espressa pubblicamente da numerosi comitati di cittadini e da nove amministrazioni comunali per motivate ragioni di sicurezza, a tenere in debito conto i pareri e le osservazioni espresse dagli enti locali e da tutti i portatori di interesse, nell’ambito del procedimento amministrativo in itinere presso gli uffici preposti di Regione Lombardia, nei confronti della richiesta di autorizzazione avanzata”.

Con questa votazione unanime è emerso un chiaro “no” alla realizzazione dell’impianto. Un risultato voluto fortemente dal Partito Democratico. Quando si manifesta una così netta volontà politica, anche i tecnici della Regione, che avranno l’ultima parola, devono tenerne conto. Ovviamente continueremo a monitorare da vicino il procedimento,fino alla sua completa conclusione.

A questo link invece trovate i video della discussione della mozione (la numero 39) http://www.mediatecaconsiglio.lombardia.it/mediafiles/view/2060/2

Pubblicato in Ambiente e agricoltura, Economia e lavoro, Territorio | Taggato , , , , , , | Lascia un commento

Subito la riforma dei ticket

Ieri per un’intera giornata Lega e Pdl si sono rimbalzati le responsabilità della mancata riforma dei ticket sanitari. La querelle non appassiona nessuno soprattutto quando rimane il fatto che la pressione dei ticket in Regione Lombardia è troppo alta, la più alta d’Italia, e che per prestazioni di media entità si fa pagare ai lombardi ben 66 euro.

Noi abbiamo sempre sostenuto la necessità di introdurre il criterio della progressività volta a sgravare le fasce più basse dal costo oneroso dei ticket. In consiglio la nostra proposta è stata sempre respinta da Pdl e Lega. Ora il carroccio dice di condividere la nostra posizione? Bene. Entro luglio con l’assestamento di bilancio la Regione vari la riforma dei ticket. 

Pubblicato in Idee e politica, Sanità e welfare | Taggato , , , , | Lascia un commento

No slot day

Oggi 13 giugno è lagiornata di mobilitazione del web contro il gioco d’azzardo patologico.Un “No Slot day” nato da un appello promosso tra gli altri da Vita.it, con la campagna no slot .

Si può partecipare in diversi modi:
1 – Per chi ha un blog scrivendo un post dedicato
2 – Su twitter utilizzando l’hashtag #NoSlot
3 – Su facebook creando dei post che pongano l’attenzione sul problema e mettendo “mi piace” sulla pagina dell’evento

Inoltre oggi in Consiglio Regionale sono stati presentati i criteri guida per la nuova legge regionale in materia di giochi d’azzardo elettronici, preparati dal gruppo di lavoro che ha visto coinvolti consiglieri di maggioranza e minoranza.

Eccoli in estrema sintesi:

1. Prevedere l’utilizzo della Carta regionale dei servizi per contrastare il fenomeno, con riferimento all’età, ai soggetti in cura, alla possibilità di temporizzare il gioco, all’autoinibire e di segnalare patologie all’Asl.

2. Istituire un osservatorio regionale e un “Numero verde” dedicati.

3. Prevedere un sistema di premialità, anche mediante detassazione regionale, per chi non installa o disinstalla slot-machine.

4. Individuare percorsi di formazione per la polizia locale.

5. Individuare percorsi di formazione per gli esercenti, finalizzati alcontrollo e al monitoraggio dei frequentatori.

6. Prevedere interventi di pianificazione urbanistica in merito alla localizzazione delle “Sale giochi” e di regolamentazione degli spazi da gioco all’interno dei locali.

7. Istituzione di una figura professionale all’interno delle ASL con funzioni affiancamento, assistenza e vigilanza sui soggetti.

8. Vietare la pubblicità del gioco d’azzardo.

9. Prevedere una tassa di scopo finalizzata a finanziare la prevenzione e il recupero dei soggetti patologici.

10. Prevedere un idoneo sistema sanzionatorio.

Non possiamo che essere soddisfatti dell’avvio di questo percorso.Come gruppo del Partito Democratico avevamo presentato per primi, già nella scorsa legislatura, una proposta di legge per cominciare ad arginare questa piaga sociale* usando le competenze regionali. E’ certamente un buon punto di partenza, ora anche la Giunta deve fare la sua parte. Se Maroni passa dagli annunci ai fatti ci sono tutte le condizioni affinchè il Consiglio in breve tempo possa approvare la nuova normativa.
 
*Dalla memoria presentata la scorsa settimana alla Camera dai Monopoli di Stato, emerge come la “raccolta” 2012 derivante dai giochi d’azzardo legali sia stata di oltre 88 miliardi di euro. Ben 9 miliardi in più del 2011 e quasi 30 miliardi in più rispetto al 2010.
Pubblicato in Idee e politica, Sanità e welfare, Territorio | Taggato , , , , | Lascia un commento

Le radici e la qualità

I ballottaggi mostrano,con la conferma di Lodi, la riconquista di Bresciae la vittoria in tutti i Comuni superiori ai 15mila abitanti, che in Lombardia non solo esiste unimportante radicamento del centrosinistra ma anche che i cittadini sono ben consapevoli della qualità dei nostri amministratori locali.

Un grande grazie va a tutti coloro che si sono spesi nella campagna elettorale per queste amministrative, candidati, iscritti e militanti.
Il PD ha saputo aprirsi alle liste civiche confermando la propria capacità di governo e di guida delle realtà locali e ora, senza sottovalutare la profondità dell’astensione registrata in questa tornata elettorale (anzi, con l’impegno a comprenderne le ragioni per saperle superare) dobbiamo continuare a lavorare per consolidare questi risultati.
I risultati complessivi del voto li trovate qui .
Pubblicato in Idee e politica, Territorio | Taggato , , , , , , , , | Lascia un commento

PD Lombardo

Ieri la Direzione Regionale mi ha chiesto di guidare il Partito fino al congresso affidandomi l’incarico di coordinatore politico del PD Lombardo. Lo farò con energia ed entusiasmo. E’ chiara l’eccezionalità della situazione. La sfida è quella di contribuire a costruire un PD non guardando alle appartenenze passate ma sulla base di un progetto che parli alle nuove generazioni. Per far questo, nei prossimi mesi, avremo bisogno dell’aiuto di tutti a partire i dagli iscritti e dai simpatizzanti che vanno da subito coinvolti sulle decisioni che il partito dovrà prendere.

Pubblicato in Blog Dem, Idee e politica, Territorio | Taggato , , , | Lascia un commento

Frontalieri

L’incontro di ieri della“Commissione speciale per i rapporti tra Lombardia, Svizzera e Province autonome” è stato un primo passo per affrontare le tante problematiche del rapporto di vicinanza con la Confederazione elvetica. All’ordine del giorno, l’audizione con le province lombarde, Como, Varese e Sondrio, interessate dagli scambi con i Cantoni svizzeri e dalle criticità che ne scaturiscono.

Naturalmente, la prima questione è quella del frontalierato, dei ristorni che ne derivano, dal Fondo speciale Inps per la disoccupazione. Ma non sono secondarie le vicende legate alle grandi infrastrutture o all’Interreg. E’ importante inoltre che la Commissione avvii un confronto con le autorità elvetiche, a partire dal Gran Consiglio del Canton Ticino. Tenendo conto, in tutto ciò, che la Svizzera sta premendo per una rinegoziazione degli accordi bilaterali con l’Italia, che andrà verificata passo passo.

La nostra preoccupazione poi è per il clima in cui si trovano a dover vivere i frontalieri. Colpiti purtroppo da pericolose campagne denigratorie. E se l’impressione è che spesso vengano lasciati soli dal Governo, la Regione deve essere l’Istituzione più vicina ai nostri lavoratori. La Commissione darà un senso alla sua esistenza se saprà lavorare soprattutto su questo campo

Pubblicato in Idee e politica, Territorio | Taggato , , , , , , | Lascia un commento