I tagli degli altri

Maroni ha dato grande rilevanza alla prima proposta di legge della Lega tesa ad abolire le risorse per il funzionamento dei gruppi consiliari. Peccato che contemporaneamente lasci invariate le dotazioni per la Giunta regionale che sono venti volte quelle del Consiglio.

Cioè sì ai tagli, ma a quelli degli altri.

Noi siamo pronti a discutere dei tagli alle risorse dei gruppi a partire dai dettami della legge nazionale voluta dal governo Monti, che prevede un taglio dell’80% delle risorse per comunicazione e funzionamento e una riduzione molto consistente sulle risorse per il personale. Allo stesso tempo chiediamo di rivolgere lo sguardo verso le ben più cospicue dotazioni della presidenza e della giunta, che non vengono toccate né dalla legge nazionale né da quella proposta da Maroni e dalla Lega. Non saremmo invece d’accordo con riforme che impediscano ai gruppi di opposizione di esercitare le proprie funzioni, a partire dal supporto all’iniziativa legislativa e dalla comunicazione delle attività svolte in Consiglio. In questo modo l’Assemblea sarebbe davvero depotenziata, a differenza della Giunta che continuerebbe a contare su risorse decisamente rilevanti.

Articolo scritto in Idee e politica e con i tag , , , , , , , .



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>