Il mio impegno continua

Carissimi,
il 24 e 25 febbraio si vota per eleggere il nuovo Consiglio regionale. Insieme al nostro candidato Presidente Umberto Ambrosoli, abbiamo l’opportunità storica di vincere e di governare la Lombardia.
Vi scrivo perché ho deciso di ricandidarmi. Sarò capolista del Partito Democratico. Voglio quindi condividere con voi quanto fatto in questi tre anni e, soprattutto, provare a trasmettervi il senso del mio impegno politico.
In questo momento dire che la politica è una delle esperienze più interessanti e coinvolgenti può sembrare un’eresia. In realtà, questo è quello che penso, fin da quando undici anni fa mi candidai a Sindaco di Varese, la mia città. Da quel momento è iniziato un percorso appassionante, segnato da grandi soddisfazioni e da momenti di difficoltà, sempre contraddistinto da un rapporto intenso con le persone. La gavetta è stata quella classica, di chi parte dal suo municipio: sui banchi dell’opposizione in Consiglio comunale da coordinatore dell’Ulivo, fino alla nascita del Partito Democratico di cui oggi sono vice segretario e consigliere regionale.
Fare politica è impegno e passione. Certo, il pensiero di molti corre a tutti gli scandali di cui parlano i giornali. Eppure è sbagliato generalizzare. Nel momento stesso in cui Regione Lombardia è stata coinvolta nelle inchieste che hanno travolto il sistema di potere formigoniano, abbiamo continuato a lavorare per riaffermare un diverso modello di società. Con la schiena dritta e la forza delle nostre idee.  Dobbiamo tutti insieme costruire un Paese dove i giovani siano liberi di  esprimere il proprio talento e dove una mamma possa conciliare famiglia e lavoro; dove chi fa impresa sia messo nelle condizioni di innovare e creare buona occupazione e dove chi ha lavorato una vita possa godersi serenamente la pensione; dove ilmerito sia la regola e dove chi lavora nelle scuole, negli ospedali, nelle pubbliche amministrazioni sia orgoglioso di farlo perché valorizzato. Con la consapevolezza che ci troviamo spesso ad affrontare le stesse sfide e le stesse preoccupazioni. Non smetto mai di ricordare le parole di Don Milani: “ho imparato che il problema degli altri è uguale al mio. Sortirne tutti insieme è politica. Sortirne da soli è avarizia”.
Anche per questo ho sempre mantenuto un dialogo aperto con gli elettori e con il mio territorio. Ho cercato di vivere il ruolo istituzionale come un ponte tra i luoghi in cui si prendono le decisioni e le comunità locali su cui ricadono gli effetti di quelle scelte.
Questo è il mio approccio alla politica, e anche alla vita. Serietà, impegno, ascolto. Con lo sguardo rivolto al futuro e l’ambizione di costruire insieme un nuovo modo di fare politica in cui siano centrali competenza, trasparenza e senso della comunità.
Qui trovate il rendiconto del mio mandato in Consiglio Regionale.
Siete inoltre tutti invitati sabato 2 febbraio a Varese per l’inizio ufficiale della campagna elettorale, alle ore 15.00 presso l’Istituto De Filippi.

Articolo scritto in Blog Dem, Idee e politica e con i tag , , , , , , , .



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>