Archivi tag: Unesco

Acqua: impianti, manufatti e fontanili lombardi nel patrimonio dell’umanità dell’Unesco

È stata approvata all’unanimità oggi, martedì 8 settembre 2015, in Consiglio regionale, la mozione, firmata anche dal Pd, che sostiene la richiesta all’Unesco di inserimento dei grandi manufatti idraulici e irrigui lombardi nel patrimonio dell’umanità.
Con questo voto esprimiamo, come Consiglio regionale, il sostegno alla richiesta di candidatura ed esortiamo la Giunta a proseguire nell’impegno profuso insieme a Urbim (Unione Regionale Bonifiche Irrigazioni Miglioramenti fondiari) e ai Consorzi di bonifica per la valorizzazione delle risorse produttive, ambientali e culturali che costituiscono la cosiddetta ‘civiltà dell’acqua’ in Lombardia.

Come si dice anche nella mozione, l’acqua ha un valore inestimabile non solo in senso assoluto, ma in particolare per questa regione, dove l’utilizzo per l’irrigazione e per la produzione ha portato in larga parte allo sviluppo agricolo e industriale. Senza contare la bellezza degli impianti, il numero di rogge e di canali, la presenza dei fontanili.

Un patrimonio che comprende 19 impianti, 10 fontanili, alcune grandi opere e sistemi, a contorno dei quali sono ricomprese anche strutture di notevole pregio quali musei, abbazie, castelli e ville, proseguono i consiglieri, per sostenere la candidatura dei quali “a maggio, a Capralba, si è tenuto il convegno di presentazione del progetto ‘La civiltà dell’acqua in Lombardia’ e una mostra fotografica collegata che è già stata presentata nell’ambito di quattro manifestazioni nelle province di Mantova, Brescia e Cremona, cui seguiranno tutte le altre province.

Pubblicato in Ambiente e agricoltura | Taggato , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Acque lombarde: fontanili, rogge e canali nell’Unesco

Inserire i grandi manufatti idraulici e irrigui della Lombardia nel Patrimonio dell’umanità dell’Unesco. E’ questo il senso del progetto al quale stanno lavorando URBIM (Unione Regionale Bonifiche Irrigazioni e Miglioramenti Fondiari per la Lombardia), Consorzi di bonifica lombardi e Regione Lombardia, ora al centro della recente iniziativa del comune di Capralba “La civiltà dell’acqua in Lombardia” (la cui mostra attinente rimarrà aperta la pubblico sino al 17 maggio). Nell’ultima tappa di presentazione del progetto, in provincia di Cremona, è stato specificato come quello verso la tutela sia un percorso lungo e difficile, ma non impossibile da percorrere, per un territorio che ha un primato di presenza e bellezza per numero di impianti, rogge, canali e fontanili. L’importante, come al solito, sarà fare rete.

E’ importante che il progetto arrivi in porto coinvolgendo tutte le forze interessate e lo stesso Consiglio regionale. Un plauso va comunque al comune di Capralba e al suo sindaco, Gian Carlo Soldati, che sulla tutela dei fontanili e la promozione della risorsa acqua sono da tempo all’avanguardia. Inserire la civiltà dell’acqua lombarda nell’Unesco significa infatti non solo riconoscere la storia, la scienza e la tecnica presenti in manufatti tuttora essenziali per il funzionamento del sistema idrico regionale, ma anche la necessità di un uso sostenibile delle risorse acqua e suolo, proprio in un momento in cui l’edilizia continua a consumare suolo ed è stato lanciato l’allarme sulle conseguenze della perdita di una risorsa tanto e preziosa: è ora dunque di mettere finalmente in campo politiche forti tese a salvaguardare l’acqua e il territorio come beni comuni, con un impegno che riguardi tutti, comuni, Regione, Consorzi di bonifica, organizzazioni, cittadini.

Pubblicato in Ambiente e agricoltura | Taggato , , , , , , , , , | Lascia un commento

Sabbioneta: inviata la lettera all’assessore

Arriva l’Expo. Abbiamo detto che i territori devono essere coinvolti nell’evento: quale migliore occasione per promuovere Sabbioneta, la ‘Piccola Atene’, portando i visitatori con il treno fino a pochi passi da questo gioiello lombardo? E intanto sistemiamo i problemi della linea. Questo ho detto oggi, giovedì 28 agosto 2014, in una lettera scritta con Marco Carra all’assessore regionale alle Infrastrutture e Mobilità, Cavalli.

All’assessore chiediamo di avviare un percorso di interlocuzione con i soggetti interessati per modificare la denominazione della stazione ferroviaria di Bozzolo che l’amministrazione comunale, in accordo con quella di Sabbioneta, da tempo chiede di rinominare appunto in ‘Bozzolo-Sabbioneta’. L’obiettivo è rilanciare l’attrattività di un territorio che vanta, grazie al caso unico di Sabbioneta, circa 50mila presenze turistiche annue e con Mantova e Cremona è tutelata dall’Unesco, mentre con Bozzolo ha fatto parte storicamente dello stesso principato gonzaghesco.

Un intervento dell’assessore presso Rfi può avviare un percorso virtuoso a costo zero per le casse pubbliche, che comporterà un coinvolgimento del territorio anche in vista dalla scadenza di Expo. E potrebbe essere l’occasione buona per dare il via a un miglioramento del servizio su quella linea.

Pubblicato in Cultura e sport | Taggato , , , , , , , , , | Lascia un commento

Liuteria: arrivato il riconoscimento dell’Unesco

La liuteria cremonese è stata iscritta nel registro dei beni immateriali dell’umanità dell’Unesco. A sostegno di questa decisione era intervenuto anche il Gruppo regionale del Pd che aveva coinvolto la Regione già durante il Tour della province “Sempre connessi” nella sua tappa di Cremona, con un’iniziativa specifica. Nell’occasione, era l’aprile del 2011, erano stati messi attorno al tavolo tutti i portatori di interesse della liuteria cremonese. A maggio, sempre su richiesta del Pd, la VII Commissione Cultura aveva ricevuto in audizione gli stessi portatori di interesse. Da lì era nata una proposta di risoluzione approvata all’unanimità dal Consiglio regionale il 15 novembre. Ieri la notizia che il risultato è stato ottenuto.
Quello di oggi è un passo in avanti molto importante per Cremona e la Lombardia. Attraverso la liuteria viene riconosciuta un’eccellenza da un punto di vista culturale, ma che ha delle ricadute importantissime anche dal punto di vista economico. Bisognerà ora fare in modo di valorizzare questo riconoscimento, muovendo tutte le forze, istituzioni e liutai, all’unisono, e mettendo in campo le necessarie sinergie affinché la liuteria diventi davvero un punto di richiamo e una caratteristica del territorio non solo nostro, ma dell’intera Lombardia. Cremona non deve chiudersi nel proprio guscio, ma diventare, assieme a questa sua ricchezza, un elemento di forte richiamo per tutta la regione.
I liutai, il museo, l’auditorium ‘Giovanni Arvedi’ e la Triennale della liuteria devono diventare il veicolo principale attraverso il quale Cremona venga ancora di più conosciuta e apprezzata in tutto il mondo.

Pubblicato in Cultura e sport | Taggato , , , , , | Lascia un commento

Approvata all’unanimità mozione a sostegno della candidatura della tradizione liutaria cremonese all’Unesco

Cremona

Oggi, in Consiglio Regionale, è stata approvata all’unanimità una mozione bipartisan, che mi vede tra i firmatari, che impegna la Giunta Regionale a sostenere la candidatura per l’iscrizione di “Saperi e Saper fare Liutario della tradizione cremonese” nella lista del Patrimonio Culturale Immateriale UNESCO.
Il testo votato oggi in aula è frutto di un lavoro condiviso tra le varie componenti politiche ma soprattutto un’operazione trasversale che ha visto la diretta partecipazione dei soggetti interessati dal nuovo Distretto culturale della musica e della liuteria e di coloro che da anni sostengono questa importante tradizione artigianale e artistica. Il voto unanime è la risposta concreta alla necessità di coesione e sinergia che un’eccellenza come la liuteria cremonese richiede per divenire volano per l’economia e il turismo della Lombardia. Continua a leggere
Pubblicato in Cultura e sport, Territorio | Taggato , , , , | Lascia un commento

Candidatura UNESCO di Cremona città del sapere liutaio

È stata accolta oggi in Consiglio Regionale la proposta lanciata un mese fa, in occasione del tour del Gruppo Regionale del PD in provincia di Cremona: la commissione cultura porterà infatti in Aula un documento condiviso in maniera bipartisan a sostegno della candidatura UNESCO della città di Cremona come patrimonio immateriale dell’umanità. Questo è, in sintesi, il risultato dell’audizione dei rappresentanti del Distretto culturale e della musica della provincia di Cremona tenutasi oggi a Milano, giovedì 9 giugno 2011, in Commissione cultura della Regione Lombardia.

Continua a leggere

Pubblicato in Cultura e sport | Taggato , , , | Lascia un commento