Archivi tag: trasporti

Trenord allo sbando e Maroni resta a guardare

Maroni ha Solo adesso Maroni si rende conto di avere un ruolo in questa partita?

Sono mesi che va avanti questo teatrino; in sei mesi non sono stati in grado di trovare il sostituto di Legnani. E meno male che il 2014, secondo Maroni, doveva essere l’anno del trasporto pubblico locale. Il sistema ferroviario regionale è palesemente inefficiente e a dirlo non siamo noi ma è scritto nero su bianco in una relazione dell’assessorato ai Trasporti. Per Maroni il report non è catastrofico ma i numeri dicono chiaramente che c’è bisogna di una svolta.

La soluzione c’è e non bisogna guardare lontano. Si affidi il servizio attraverso un bando di gara europeo, così come fatto dalla vicina Emilia Romagna, che metta a confronto i migliori vettori internazionali. Una strada che permetterebbe di risparmiare e di migliorare il servizio.

Pubblicato in Mobilità | Taggato , , , , , , , , | Lascia un commento

Linea Cremona–Crema-Milano: le corse estive non verranno soppresse

binariIl collegamento Cremona–Crema–Treviglio-Milano nel mese di agosto ci sarà. Il servizio, seppur ridimensionato, sarà assicurato ogni ora; non ci sarà un treno diretto Crema–Milano ma è previsto il cambio a Treviglio. I cartelloni esposti in stazione non riportano le informazioni corrette, come ci hanno spiegato stamattina i funzionari dell’assessorato ai Trasporti e Infrastrutture di regione Lombardia; per questioni di budget è stato stampato un orario valido tutto l’anno senza contare le modifiche stagionali ma cancellando tutti i treni senza consultarsi con la Regione.
Un altro argomento discusso questa mattina riguarda la questione del bonus. La Corte Europea con una recente sentenza stabilisce che la società di trasporti rimborsi l’utente nel caso in cui si registri un ritardo al di sopra di un’ora. I dirigenti dell’assessorato ai Trasporti questa mattina ci hanno preannunciato che la regione sta provvedendo ad adeguarsi in tal senso. Nello specifico ho segnalato il caso della linea Milano–Crema-Cremona i cui pendolari nonostante siano  in possesso di un abbonamento che copre l’intera tratta possono ottenere il rimborso esclusivamente per la tratta Cremona–Treviglio. Il problema si pone quando il ritardo si concentra lungo la seconda direttrice la Verona-Treviglio–Milano. Al momento non è previsto un rimborso totale per quelle linee che prevedono il cambio, come la Cremona–Milano. Ma ci è stato assicurato che dal 1 gennaio 2015, quindi a scadenza del contratto di servizio, Trenord provvederà a risolvere questa mancanza.
E’ stato un incontro proficuo che si è concluso con l’accoglimento della nostra richiesta di indire una riunione dei quadranti per discutere dei problemi del trasporto pubblico locale. Il 12 e il 19 maggio prossimi sono fissati rispettivamente quelli del quadrante Sud ed Est. Auspichiamo di avere anche in quelle due occasioni un riscontro positivo.

Pubblicato in Mobilità | Taggato , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Oggi scade il termine per l’istituzione delle agenzie di bacino

Da domani le province e i comuni di Milano, Monza, Pavia e Lodi verranno commissariate. Così come quelli di Mantova e Cremona e di Varese, Lecco e Sondrio. Scade oggi, infatti, il termine ultimo per la costituzione delle agenzie di bacino per il trasporto pubblico locale sulle cinque previste così come richiede la legge regionale 6/2012 che disciplina il settore dei trasporti. Questo per l’inerzia della Giunta regionale che aveva il compito di monitorare tutto il processo e nel caso specifico intervenire per sollecitare i comuni capoluogo e gli enti provinciali a costituire il bacino di riferimento.

E’ evidente che qualcosa non ha funzionato. E’ da più di un anno che abbiamo messo in guardia la Regione su questo problema ma ad ogni richiamo ha sempre fatto orecchio da mercante. L’unico atto della Giunta è stato promuovere a dicembre una deroga ritardando di pochi mesi i tempi di costituzione dei bacini. Ma evidentemente ciò non ha risolto molto se siamo qui a discutere, tra le altre, della mancata istituzione dell’agenzia più grande, quella che comprende oltre al comune capoluogo di Regione anche le province di Milano, Monza, Pavia e Lodi. Siamo certi che con il commissariamento la situazione non cambierà di molto visto che se siamo a questo punto è per il disinteresse della Giunta su un tema fondamentale per i lombardi.

Non più tardi di un mese fa il Pd aveva chiesto formalmente la convocazione delle singole potenziali agenzie in Commissione Mobilità proprio per cercare una soluzione condivisa, anche se in zona cesarini. Ad opporsi l’assessore regionale Del Tenno e la sua maggioranza sorda ai nostri richiami. L’istituzione dei cinque bacini per il trasporto pubblico serviva per razionalizzare i servizi di trasporto per evolvere verso un sistema più efficiente, efficace ed integrato. E quindi semplificare e migliorare la governance dei servizi del trasporto pubblico locale sul territorio avendo un unico interlocutore per bacino, ottimizzare reti e orari di trasporto, evitando sovrapposizioni, integrare i servizi e superare la frammentazione dei sistemi tariffari. Non briciole se si pensa ai tanti problemi che affliggono il sistema di trasporto regionale.

Pubblicato in Mobilità | Taggato , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Trenord: la Regione è responsabile dell’inefficienza del sistema

FerrovieTrenord dimostra ogni giorno di più di non essere all’altezza del compito che inspiegabilmente la Regione ha deciso di affidarle per altri 6 anni. La vicenda della sospensione dal servizio dei cinque quadri per presunte irregolarità nella gestione dei turni e del calcolo degli straordinari è solo la punta di un iceberg di un sistema che necessita di essere profondamente cambiato. La Regione, che prima decide di riconfermare il contratto di servizio fino al 2020 e poi non perde occasione per fare scaricabarile, è responsabile dell’inefficienza di Trenord. Adesso pretendiamo che si faccia chiarezza su tutto e si prendano seriamente quei provvedimenti troppe volte annunciati da Maroni e dall’Assessore Del Tenno e che poi si trasformano in benevoli pacche sulle spalle.

Col Consigliere Regionale Pd Jacopo Scandella sono firmatario di un’interrogazione con risposta in Aula rivolta all’Assessore Regionale ai Trasporti Maurizio Del Tenno con la quale chiediamo conto della vicenda dei rimborsi gonfiati dei cinque dipendenti di Trenord e, alla luce degli ultimi disservizi che hanno coinvolto la linea Milano–Treviglio-Verona, chiediamo di aprire un confronto sulla possibilità di intraprendere strade alternative alla gestione unica del trasporto ferroviario regionale.

Pubblicato in Mobilità | Taggato , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Del Tenno: no a un treno diretto Varese-Milano

Nel pomeriggio di ieri in Commissione Trasporti e Infrastrutture del Consiglio l’assessore regionale ai Trasporti Maurizio Del Tenno ha risposto ad un’interrogazione che ho presentato in merito al problema della scarsa pulizia a bordo dei treni nelle stazioni di Varese, Gallarate e Luino da luglio scorso.
L’assessore Del Tenno ha confermato che il servizio pulizie carrozze non ha subito modifiche negli ultimi mesi ma anzi è regolarmente effettuata quella giornaliera ed è stata inoltre “rimodulata la pulizia di transito” sulle linee suburbane, con interventi nelle stazioni di fermata più lunga. Quanto dichiarato dall’assessore non corrisponde però con quanto ci è stato segnalato da coloro che prestano servizio per l’impresa appaltatrice di pulizia treni i quali lamentano una diminuzione delle operazioni dal luglio scorso.

Altro punto sul quale ho chiesto conto all’assessore regionale concerne la possibilità di istituire un collegamento diretto tra Varese e Milano Centrale prolungando la corsa di alcuni convogli che già raggiungono stazioni periferiche del capoluogo. La risposta dell’assessore è stata chiara: un collegamento tra Varese e Milano è già possibile con i cambi a Saronno e Gallarate e non è prevista l’istituzione di una tratta “senza cambio” perché impegnerebbe ulteriormente linee già molto frequentate da treni suburbani e regionali. Noi riteniamo, invece, che un collegamento diretto per una città come Varese sia indispensabile.

Pubblicato in Mobilità | Taggato , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Domani in Giunta il contratto di servizio per il trasporto ferroviario regionale: verso il rinnovo a Trenord

All’ordine del giorno della Giunta regionale di domani c’è una delibera che intende rinnovare il contratto di servizio di Trenord, in scadenza il prossimo 31 dicembre, per il quinquennio 2015- 2020. Un provvedimento deciso e approvato in tutta autonomia dalla Regione, senza coinvolgere minimamente il Consiglio che stride e non di poco con le valutazioni tutt’altro che positive rilasciate in questi mesi dal presidente Maroni e dall’assessore regionale ai Trasporti Del Tenno che per giorni minacciavano provvedimenti risolutivi contro l’azienda.
Questa è la rivoluzione che intendeva Maroni nella conferenza stampa di fine anno? Il sistema ferroviario regionale è palesemente inefficiente – convogli sovraffollati, ritardi e soppressioni all’ordine del giorno, continui tagli di risorse e servizi – ma la Giunta decide che questo modo di amministrare un servizio essenziale per i lombardi vada premiato e rinnovato. I nostri vicini di casa hanno voluto dare un cambio di passo. Veneto ed Emilia Romagna hanno annunciato la volontà di disdire il contratto di servizio con Trenitalia e di riaffidare il servizio attraverso una gara europea. Toscana e Piemonte stanno valutando la stessa opzione. Lo avevamo chiesto più volte sia in Consiglio che in Commissione ma evidentemente manca il coraggio che altri hanno dimostrato di avere. La Lombardia è ancora in tempo per intraprendere questa strada ma evidentemente alla Giunta non interessa.
E oggi, in Commissione Trasporti l’assessore Del Tenno (“quello dei Treni”) è venuto a rispondere, tra l’altro, ad una mia richiesta. Le domande sono le solite: dove metti i treni nuovi che dici in procinto di arrivare? Perché non li metti sulle linee più disastrate? Perché non miglioriamo con interventi puntuali la qualità e gli standard dei treni (a novembre ben 14 su 40 direttrici hanno avuto indici inaffidabili di puntualità!)? ecc ecc. La risposta è stata: “lasciatemi lavorare ancora per qualche mese”. Cosi ha risposto anche per la linea Mantova-Cremona-Milano. Gli ho ricordato che forse varrebbe la pena mettere a gara pubblica, entro dicembre, il servizio del trasporto pubblico ferroviario. Cosi fa l’Emilia e stanno facendo Veneto e Toscana. Domani la giunta si occuperà dell’argomento. Ci ha detto. Ma la notizia pare sia quella di una riconferma a Trenord per altri 6 (si, sei!) anni!

Pubblicato in Mobilità | Taggato , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Sciopero Autisti Agi: una situazione che la Provincia avrebbe dovuto affrontare per tempo

Annunciato per lunedì 13 gennaio lo sciopero generale dei dipendenti delle Audoguidovie Italiane (AGI), il secondo dopo quello di metà dicembre, indetto in segno di protesta contro i vertici dell’azienda con la quale da tempo si sono interrotte le relazioni sindacali.

La Provincia di Cremona anche questa volta se ne lava le mani. A fronte del precedente sciopero, che aveva causato non pochi problemi per la circolazione su gomma nella provincia di Cremona, lungo l’asta della ex SS Paullese e in altri territori del cremasco e della Lombardia, si doveva fare carico della situazione e convocare un tavolo di confronto tra le parti per far rientrare la controversia. Tutto questo non è avvenuto nonostante siano arrivate sollecitazioni da più parti in tal senso.

E’ davvero incomprensibile questa situazione: questioni che potrebbero e dovrebbero essere risolte con responsabilità vengono lasciate al caso danneggiando in primis soggetti estranei alla vicenda quali studenti e lavoratori pendolari che lunedì, a causa dello sciopero, non potranno svolgere regolarmente le loro attività.

Pubblicato in Economia e lavoro, Mobilità | Taggato , , , , , , , , | Lascia un commento

Trasporti: servono treni nuovi e un piano regionale della mobilità

treno a cremaPer Maroni il 2014 sarà l’anno della riorganizzazione del trasporto pubblico regionale. Questa sarebbe musica per le nostre orecchie se non fosse che proprio ieri inspiegabilmente i partiti della maggioranza hanno bocciato il nostro ordine del giorno, di cui ero primo firmatario, che impegnava la Giunta a mettere nero su bianco le priorità degli  interventi infrastrutturali sulla rete ferroviaria e gli  investimenti per rinnovare il materiale rotabile (Treni e locomotori). I buoni propositi della giunta Maroni per noi al momento sono fermi al palo considerato che, per giunta, le risorse investite sul triennio dalla Regione sono sempre quelle del 2008.

Con il documento, chiedevamo alla Giunta, inoltre, un impegno per la promozione di una vera integrazione tra i diversi sistemi di mobilità con l’obiettivo di ridurre il traffico privato a favore del trasporto pubblico locale.

La Lombardia, nonostante sia la regione più grande d’Italia con un bacino d’utenza di oltre 700mila pendolari, non si è ancora dotata di un piano regionale della mobilità. Una grave mancanza a cui Maroni nel suo piano di riorganizzazione deve subito mettere mano. Questa programmazione esiste tra l’altro in Veneto, Piemonte, Emilia Romagna e in provincia di Trento. In Lombardia no. E’ uno strumento indispensabile per individuare le priorità, divise per territori omogenei e per linee, e per decidere in che modo allocare le risorse, sollecitando e chiedendo il sostegno dei territori stessi.

Pubblicato in Mobilità | Taggato , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Trasporti: l’incontro di domani a Cremona è un primo passo, ma non sufficiente

FerrovieDomani pomeriggio a Cremona si terrà un incontro, convocato dall’assessore alle Infrastrutture e Mobilità Maurizio Del Tenno, per fare il punto sulla situazione del servizio ferroviario nel Sud Lombardia assieme a Trenord, ai rappresentati del territorio e ai comitati dei pendolari. Bene, sarà una buona occasione per il territorio cremonese per far sentire le sue ragioni. E’ pur sempre un primo passo
Ma noi chiedevamo qualcosa in più: convocare una conferenza di servizio, preparata in anticipo con precisione, per mettere in luce le priorità infrastrutturali necessarie per la provincia di Cremona e stabilendo un crono programma certo. Prioritario secondo noi è il rinnovo del materiale rotabile, ad oggi, insufficiente e obsoleto. Inoltre è necessario far dialogare ferro e gomma in maniera più efficace in un territorio, come quello cremonese, a domanda debole. Anche la ricerca di Eupolis, commissionata da Regione Lombardia, sottolinea che il grado di insoddisfazione degli utenti è aumentato. Stime che non possono essere sottovalutate ma che dimostrano che sono altre lo soluzioni da perseguire.
L’incontro di domani è un passaggio necessario ma non definitivo. Ci aspettiamo che entro l’approvazione del bilancio di previsione 2014 che il Consiglio Regionale voterà a metà dicembre l’assessore Del Tenno e Trenord vengano sul territorio per sottoporci proposte puntuali che diano risposte concrete al malessere diffuso dei pendolari.

Pubblicato in Mobilità | Taggato , , , , , , , , , , , , , | 1 commento

Video della diretta web su trasporti e pendolari

Pubblicato in Idee e politica, Mobilità | Taggato , , , , , , , , | Lascia un commento