Archivi tag: lettera

Il rapporto sui disservizi registrati nel fine settimana venga reso noto

Nella giornata di domenica si sono registrati nuovamente gravi ritardi nel sistema di trasporto ferroviario regionale causando non pochi disagi per i pendolari. Perciò ho scritto una seconda lettera, insieme a Giovanni Pavesi, consigliere regionale del Pd, all’amministratore delegato di Trenord Giuseppe Biesuz, dopo quella inviata giovedì scorso nella quale si richiedevo di intervenire con una task force di manutenzione sui treni della linea Milano–Cremona-Mantova.
Rimaniamo stupefatti nel leggere le dichiarazioni dell’Assessore regionale ai trasporti Andrea Gilardoni tra l’imbarazzato, il dispiaciuto e il contrariato. Nello scusarsi con i pendolari, l’assessore ha assicurato che chiederà al più presto un rapporto dettagliato su quanto accaduto a Trenord. Bene, così come richiesto nero su bianco nella lettera, vorremmo essere messi anche noi a conoscenza dei reali motivi alla base dei disservizi. Ci auguriamo che si intervenga subito e si garantiscano tutte le verifiche necessarie affinché venga garantito il regolare servizio per i pendolari e gli utenti.

Pubblicato in Mobilità | Taggato , , , , , , , , , | Lascia un commento

Stazione di Crema: dopo la rimozione dei capistazione, RFI salvaguardi il presidio

Stazione di Crema

Stazione di Crema

Qualche mese fa sono stati rimossi, a quanto risulta senza un vero atto formale, i capistazione dalla stazione ferroviaria di Crema lasciando comunque in sede altri 3 o 4 dipendenti che a turno garantiscono un necessario presidio, utile per i clienti, sia dal punto di vista delle informazioni che da quello della sicurezza, specie negli orari del mattino presto e della sera tardi. In questi giorni si vocifera della possibile soppressione del presidio lasciando così alla mercè di vandali e all’incuria, nonostante la stazione di Crema sia diventata, negli ultimi anni, uno snodo importante della mobilità locale e dell’intera provincia cremonese e conti quotidianamente la presenza di diverse centinaia di utenti. Per tale ragione ho scritto una lettera al direttore di RFI Umberto Lebruto.
Negli anni si è lavorato per far sì che ci sia un dialogo continuo tra  le diverse modalità del trasporto pubblico, creando parcheggi e  trasferendo sul piazzale l’autostazione di tutti gli autobus del servizio urbano ed extraurbano. Nell’area industriale dismessa (denominata ex Ferriera e ex Everest) collocata a ridosso dei binari è previsto un piano di riqualificazione urbana che prevede un passaggio alternativo a viale S. Maria con la conseguente chiusura del passaggio a livello e la realizzazione di sottopassaggi pedonali di collegamento diretto con la stazione FS. Rfi ha anche sottoscritto un accordo di programma col Comune di Crema che prevede la valorizzazione dell’ormai ex scalo merci: il tutto nella prospettiva di un rilancio del trasporto ferroviario e di un potenziamento dei collegamenti su Milano (via Treviglio) e Cremona.
Su questi presupposti ho chiesto attraverso la lettera chiarimenti da parte dell’ingegner Lebruto e mi sono reso disponibile per un incontro chiarificatore.

Pubblicato in Mobilità, Territorio | Taggato , , , , , , , , , | Lascia un commento