Archivi tag: Claudio Silla

Oglio-Po, il distretto rurale a vocazione biologica si presenta a Viadana

Lunedì 25 novembre 2013, alle 18, nell’auditorium “Fabia Gardinazzi” di Viadana, si terrà la presentazione pubblica sul territorio del distretto rurale dell’Oglio-Po, il progetto a vocazione biologica del Partito Democratico lombardo, portato avanti dai consiglieri regionali cremonese e mantovano e al quale ha aderito anche l’Assessore Regionale all’Agricoltura.

All’incontro sarò presente con Marco Carra, Consigliere Regionale del Pd, i sindaci di Viadana Giorgio Penazzi e di Casalmaggiore Claudio Silla, le Province e, appunto, l’Assessore Regionale all’Agricoltura Gianni Fava, che ha aderito fin da subito e da sempre sostiene il progetto.

Alla presentazione possono intervenire tutti coloro che sono interessati alla nascita di un distretto rurale del biologico, il primo in Lombardia, nel territorio dell’Oglio-Po, che, dopo i primi incontri a Milano e Casalmaggiore, si sta già trasformando in una realtà concreta. Il Gal Oglio-Po si è detto disponibile a fare da capofila, tanto che ha organizzato il successivo momento di confronto che si terrà mercoledì 27 novembre 2013, nuovamente a Casalmaggiore.

Pubblicato in Ambiente e agricoltura, Territorio | Taggato , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Distretto rurale Oglio-Po: decolla il cuore del primo distretto del biologico

Si è tenuto questo pomeriggio, nel municipio di Casalmaggiore, il primo incontro sul territorio per la nascita del Distretto rurale Oglio-Po, il primo a vocazione biologica in Lombardia. Ero presente con operatori, associazioni, aziende agricole e cittadini, il Consigliere Regionale del Pd Marco Carra, componente come me dell’VIII Commissione Agricoltura del Consiglio Regionale, col quale sto sostenendo il progetto; insieme abbiamo presentato i contenuti e l’iter che dovrà seguire la nascita del distretto.
E’ intervenuto anche Giuseppe Torchio, presidente del Gal Oglio-Po che è disponibile a fare da capofila, come ente locale, del progetto, oltre a Carlo Giacomelli, della Direzione Regionale dell’Agricoltura, che ha risposto alle domande tecniche.
Ad aprire i lavori, il sindaco di Casalmaggiore Claudio Silla: “Siamo disponibili a vestire il ruolo dei referenti e faremo senz’altro la nostra parte, ma devono essere le aziende del territorio a portare avanti l’idea di un distretto rurale da presentare poi in Regione Lombardia. Tutti insieme possiamo immaginare come creare le condizioni per realizzare questo progetto”, ha detto rivolgendosi ai numerosi intervenuti.
L’incontro è stato molto concreto e operativo, è servito a scremare chi ci sta e chi no, per andare a vedere fino in fondo chi vuole davvero mettere in piedi questo distretto rurale a vocazione biologica. Sarà il primo in Italia, strutturato in questo modo, a occuparsi di biologico. E il senso stesso del distretto nasce per fare emergere questa specificità del territorio, che va da Cremona a Mantova. Noi del Pd lo abbiamo pensato, assieme a sindaci e produttori, come opportunità di rilancio di un bene primario in questa fascia di territorio.
I distretti in Lombardia sono 24 e sono legati alle specificità del territorio. Sono soggetti a regole regionali che stabiliscono ad esempio delle date precise per l’accreditamento: se perdiamo il treno del 31 dicembre 2013, la successiva è quella del 31 maggio 2014 che può essere la nostra scadenza. Continua a leggere

Pubblicato in Ambiente e agricoltura | Taggato , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Distretto rurale: incontro venerdì 15 alle 17 a Casalmaggiore

Sarà il primo distretto rurale della Lombardia, a vocazione biologica e nato dentro il comprensorio dell’Oglio-Po, tra Cremona e Mantova.
Con il Consigliere Regionale del Pd Marco Carra, ho promosso l’iniziativa e il progetto stesso di un distretto rurale del biologico nell’Oglio-Po, sostenuto dall’Assessorato Regionale all’Agricoltura, anche attraverso uno studio, ora raccolto in un libro.
Con lo stesso Marco Carra parteciperò domani, venerdì 15 novembre 2013, nel municipio di Casalmaggiore, a partire dalle 17 ad un incontro sul tema.

In apertura l’incontro porterà i suoi saluti Claudio Silla, sindaco di Casalmaggiore. Interverranno Nicola Federici, assessore alle Attività produttive del Comune di Viadana e l’ingegner Carlo Giacomelli della Direzione Generale dell’Agricoltura di Regione Lombardia.
Sono stati invitati a partecipare il Gal Oglio-Po, gli enti, le associazioni e le aziende agricole del territorio interessati a partecipare alla costituzione del distretto.

Pubblicato in Ambiente e agricoltura | Taggato , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Bioagricoltura nell’Oglio-Po

Bioagricoltura nell’Oglio-Po – Le ragioni del distretto rurale” è il titolo del quaderno che contiene lo studio per l’istituzione di un distretto rurale nel territorio a confine tra Cremona e Mantova che verrà presentato lunedì 28 ottobre 2013, alle 11, nella Sala del Gonfalone, a Palazzo Pirelli, in via F. Filzi 22, a Milano. L’incontro che presiederò, verrà presentato dal collega Marco Carra, capogruppo in VIII Commissione Agricoltura del Consiglio Regionale. Porterà il suo saluto Alessandro Alfieri, presidente del Gruppo consiliare del Pd, e interverrà Gianni Fava, Assessore Regionale all’Agricoltura.
Il progetto, finanziato dal Gruppo consiliare del Partito Democratico, è stato realizzato da Katia Bernuzzi e Paolo Loda, che interverranno all’iniziativa.
Saranno presenti i consiglieri regionale del Pd Corrado Tomasi e Giuseppe Villani, il presidente della Commissione Agricoltura Alessandro Fermi, il sindaco di Casalmaggiore Claudio Silla, quello di Viadana Giorgio Penazzi, l’ex consigliere Giovanni Pavesi e i produttori biologici Valter e Lorenzo Cavalli e Guglielmina Vignoli.
Nel territorio dell’Oglio Po, ad antica vocazione agricola, oggi è ipotizzabile inserire un elemento in grado di offrire nuove opportunità, in direzione di uno sviluppo che sempre più tenga conto dei temi della sostenibilità e del consumo consapevole. La costituzione di un distretto dell’agricoltura biologica va in questa direzione, perché a partire dal cibo si può costruire un modello economico e sociale nuovo. Questa è la proposta che oggi vogliamo rendere pubblica. Ci sarà bisogno di un’opera di analisi, di studio e poi di discussione, di confronto per arrivare a decisioni consapevoli e condivise.

Pubblicato in Ambiente e agricoltura | Taggato , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Incontro “La sfida della gestione pubblica del sistema idrico integrato” stasera a Casalmaggiore

In attesa dell’assemblea dei sindaci, che si terrà domani presso l’ATO di Cremona,  che deciderà in merito alla gestione del sistema idrico provinciale, questa sera alle ore 21, presso la sala Santa Chiara, in via Formis, a Casalmaggiore si terrà un incontro dal titolo  “La sfida della gestione pubblica del sistema idrico integrato“. Un confronto sul tema dell’acqua come bene comune che vedrà la mia partecipazione insieme a Maura Ruggeri, capogruppo Pd Comune di Cremona, Giuseppe Tadioli, presidente Lega delle Autonomie e Claudio Silla, sindaco del Comune di Casalmaggiore. Modera il dibattito il giornalista de “Il Piccolo” Vanni Raineri.

Pubblicato in Idee e politica | Taggato , , , , , , , , | Lascia un commento

Giovedi 15 novembre, incontro a Casalmaggiore sul sistema idrico integrato

Giovedi 15 novembre alle 21, presso la Sala Santa Chiara, in via Formis a Casalmaggiore, parteciperò all’incontro dal titolo “La sfida della gestione pubblica del sistema idrico integrato”.
L’incontro, organizzato dal Circolo PD di Casalmaggiore, Coordinamento Casalasco del Partito Democratico, mi vedrà partecipare al fianco di:

  • Maura Ruggeri, capogruppo Pd Comune di Cremona
  • Giuseppe Tadioli, presidente Lega delle Autonomie
  • Claudio Silla, sindaco del Comune di Casalmaggiore

e sarà mediato da Vanni Raineri, giornalista de “Il Piccolo”.
Siete tutti invitati a partecipare.

Pubblicato in Ambiente e agricoltura, Idee e politica | Taggato , , , , , , , | Lascia un commento

Agroenergie: energie rinnovabili con poche colture e per integrare il reddito

Noi del Pd chiediamo che gli impianti a energie rinnovabili usino reflui e meno colture agricole per funzionare e che non diventino industriali ma servano a integrare il reddito delle aziende agricole. Bisogna fare in modo che si pongano le condizioni per sviluppare e gestire al meglio questo settore e i suoi 210 impianti a biogas presenti sul territorio lombardo.
Il collega Giovanni Pavesi ha sottolineato, durante il convegno di ieri a Casalmaggiore, come “la Regione su questi temi sia in ritardo di oltre un anno. Come Gruppo consiliare del Pd abbiamo più volte richiesto con mozioni e ordini del giorno che la Giunta arrivasse alla deliberazione delle Linee guida e che quindi definisse criteri vincolanti per soggetti pubblici e privati. Un ritardo che ha prodotto non pochi problemi di congestionamento e di incompatibilità ambientale. Ma ancora oggi, nonostante l’approvazione delle Linee guida, manca una regolamentazione che individui le aree idonee e non idonee, strumento indispensabile per una pianificazione che intervenga e ponga ordine nel proliferare incontrollato di questi impianti”. Una posizione decisa e ribadita a ogni occasione dal Pd che chiede regole trasparenti e di immediata applicabilità per lo sviluppo sostenibile delle energie rinnovabili. Continua a leggere

Pubblicato in Ambiente e agricoltura | Taggato , , , , , , , , , , | 1 commento