Archivi del mese: agosto 2013

Apa: Fava d’accordo con noi nonostante il parere della Giunta

Non è la prima volta che l’assessore regionale all’Agricoltura Fava viene smentito dalla sua stessa Giunta perché dice cose diverse. Tuttavia, pare incredibile che in ogni occasione emergano queste contraddizioni.

Durante la discussione sull’assestamento di bilancio, è passato un ordine del giorno che chiedeva la definizione di un metodo oggettivo di calcolo nella ripartizione delle risorse, maggiore certezza e stabilità e un contributo economico-finanziario e amministrativo da parte di Regione Lombardia. L’assessore al Bilancio Garavaglia, quindi la Giunta, quindi anche Fava che era inspiegabilmente assente dall’Aula, diede parere negativo, ma ciononostante l’odg venne approvato a maggioranza.

Ci fa piacere che un mese dopo Fava si accorga che esistono questi problemi e che si dica d’accordo con noi, nonostante il parere contrario della Giunta di cui fa parte.

Pubblicato in Ambiente e agricoltura | Taggato , , , | Lascia un commento

Pianalto della Melotta: un incontro per dire no alla cava nel geosito

no alla cava

la mostra al Bar Centrale della festa

Si parlerà anche della cava di argilla che stravolgerà il geosito del Pianalto della Melotta di Romanengo, domani sera, giovedì 29 agosto 2013, dalle 21, nello spazio dibattiti della Festa del Pd di Crema, al Podere Ombrianello.
L’incontro, a cura della Fondazione “Paolo Zanini”, sarà intitolato non a caso “Sviluppo sostenibile. A parole siamo tutti d’accordo. I fatti dimostrano l’inverso. I casi delle cave nel Pianalto della Melotta, del Piano territoriale della Provincia che elimina i geositi, il consumo del suolo nei Pgt”. All’incontro interverrò a fianco di Vittore Soldo, responsabile ambiente del Pd cremasco, Livia Severgnini, consigliere comunale di Crema, Eugenio Vailati e Andrea Virgilio, consiglieri provinciali.

C’è una concomitanza di cause che stanno seriamente rischiando di compromettere in via definitiva l’area delicata e unica nel suo genere del geosito di Romanengo.
La Regione non è e non sarà esente da responsabilità, visto che è stata interessata alla questione da sempre e che dovrà dare gli ‘ok’ definitivi alle deleterie decisioni della Provincia di Cremona. La quale ha persino modificato il suo Piano territoriale di coordinamento provinciale (Ptcp).
Nell’ambito della festa, il Circolo Pd di Romanengo ha allestito anche una mostra sul tema, che si trova nell’area del bar-ristorante Centrale.

Pubblicato in Ambiente e agricoltura, Idee e politica, Territorio | Taggato , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Treni: a settembre una conferenza di servizi a Cremona con Trenord e Regione

93 minuti di ritardo registrati oggi sulla Cremona Brescia dovuti ad un guasto alla motrice del treno. In ritardo persino le procedure di emergenza, il treno di supporto è arrivato solo dopo mezz’ora, e le comunicazioni dell’azienda in soccorso degli utenti. Un’ingiustificabile inefficienza per la quale ho scritto una lettera inviata nel pomeriggio all’assessore Del Tenno e all’amministratore di Trenord Legnani per ottenere risposte e interventi rapidi.
Visti i costanti disservizi sulle linee che percorrono la provincia di Cremona ho chiesto di indire a Cremona a settembre una conferenza di servizi tecnico politica che veda la partecipazione di Trenord, Regione, Provincia, Camera di commercio e dei sindaci interessati per fare il punto della situazione sulla mobilità su ferro nel Sud Lombardia. Ai nostri continui richiami la risposta della Giunta è stata fino ad ora insoddisfacente i tempi di intervento, nonostante le promesse fatte in Aula, ancora oggi non sono stati resi noti. I pendolari cremonesi sono stufi di essere presi in giro dai tecnicismi dettati dalla dialettica politica, vogliono vedere i fatti. Sono sicuro che su un tema così importante troverò la condivisione del sindaco di Cremona Perri e del presidente della Provincia Salini così come dei miei colleghi in Consiglio Regionale Malvezzi e Lena.

Pubblicato in Mobilità | Taggato , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Maltempo: il decreto sullo stato di calamità è stato firmato

Lunedì 29 luglio è finalmente pervenuta la richiesta della Regione Lombardia per l’attivazione degli interventi compensativi del Fondo di solidarietà nazionale a favore delle imprese agricole colpite dal maltempo di primavera. Giovedì 1 agosto il Ministro alle Politiche Agricole De Girolamo ha firmato la dichiarazione dello stato di eccezionale avversità atmosferica, ovvero lo stato di calamità. Questo significa che bastava essere tempestivi e che ognuno doveva fare la sua parte.
Il Governo ha dato il via all’iter che permette alla Regione di accedere ai contributi previsti dal Fondo di Solidarietà Nazionale, da destinare al ripristino delle infrastrutture pubbliche, delle strutture aziendali e alla ricostituzione delle scorte eventualmente compromesse o distrutte in agricoltura.

Come ci ha fatto sapere anche il sottosegretario Maurizio Martina, adesso si attiveranno la sospensione dei contributi previdenziali e i rimborsi in favore delle aziende agricole danneggiate. Non capiamo ancora cosa aspettasse l’assessore Fava a chiudere la partita: ha tanto accusato il Governo di essere in ritardo, ma l’unica a farsi attendere era la Giunta Maroni. Tant’è che in due giorni a Roma il decreto è stato firmato.

E nel frattempo Maroni e Fava non hanno nemmeno accettato di anticipare qualcosa nell’assestamento di bilancio, come abbiamo chiesto noi del Pd. Ma ci tengono davvero alle aziende agricole lombarde?”

Ora, per quanto riguarda Cremona, le misure di intervento saranno applicabili nei territori e per le aziende agricole dei comuni di Cà d’Andrea, Casalbuttano ed Uniti, Castelleone, Castelverde, Cingia De’ Botti, Cremona, Crotta d’Adda, Grumello Cremonese ed Uniti, Paderno Ponchielli, Piadena, Pizzighettone, Pozzaglio ed Uniti, San Martino del Lago, Solarolo Rainerio, Voltido.

Pubblicato in Ambiente e agricoltura, Territorio | Taggato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento