Archivi del mese: novembre 2011

Cappella Cantone: la storia della discarica che si poteva evitare

La vicenda discarica è diventata oggi la protagonista di un’indagine che ha portato ad arresti eccellenti.
La discarica di amianto a Cappella Cantone si poteva e doveva evitare, ma per realizzarla sono state compiute diverse forzature contro gli interessi del territorio e dei suoi cittadini. Evidentissima quella compiuta dalla Regione nel 2009, quando nominò il nuovo presidente della Provincia commissario ad acta per cambiare il regolamento e permettere ciò che il presidente Torchio non aveva permesso

Sempre una forzatura era la pretesa di realizzare una discarica ‘galleggiante’ sulla falda, senza le necessarie garanzie dal punto di vista della sicurezza ambientale e della salute dei cittadini. La mozione che avevo presentato in Consiglio regionale lo scorso 18 ottobre aveva il chiaro intento di trovare, in zona Cesarini, una soluzione alternativa. La ditta si è opposta, comunicando la propria posizione addirittura con una conferenza stampa. Evidentemente aveva garanzie da vendere!

Mi rammarica la vicenda che dimostra come la politica, almeno quella di oggi, non riesca a trovare al proprio interno gli anticorpi necessari per combattere la malattia. In soccorso arriva ancora una volta la magistratura che, come il chirurgo, in ultima istanza, è costretta a intervenire con rimedi drastici che lasciano sempre segni indelebili.

La lunga storia della battaglia di Cappella Cantone:
Nell’agosto del 2007 viene avviata la procedura per l’autorizzazione di una nuova discarica di rifiuti contenenti amianto da realizzare in località Retorto, nel Comune di Cappella Cantone. Continua a leggere

Pubblicato in Ambiente e agricoltura, Territorio | Taggato , , | Lascia un commento

Treno diretto Crema Milano: apertura dell’assessore regionale Cattaneo

Dopo la presentazione giovedì scorso in stazione a Crema il progetto di treno diretto da e per Milano predisposto da tecnici specializzati su richiesta del Partito Democratico è stato presentato questa mattina a Milano, alla presenza dell’assessore regionale alla mobilità Raffaele Cattaneo e del suo omologo milanese Pierfrancesco Maran. E da Cattaneo è venuta un’apertura significativa: non solo il progetto è fattibile, ma la Regione starebbe anch’essa studiando una proposta in merito, seppure diversa.
L’assessore dice che la nostra proposta è fattibile e questo è un punto importante perché fino ad oggi si è sempre sostenuto ciò che il nostro studio confuta, ovvero che senza il raddoppio del binario non sarebbe stato possibile istituire il collegamento diretto. L’ipotesi su cui ragiona Cattaneo è diversa, ad un costo superiore a quello del trasporto regionale e in orari diversi dalle fasce pendolari. La nostra proposta rimane più vicina alle esigenze dei pendolari del cremasco, ma è comunque importante che in Regione ci si occupi del problema e si discuta di progetti concreti. Continua a leggere

Pubblicato in Idee e politica, Mobilità | Taggato , , , , , , | Lascia un commento

Treno diretto Crema-Milano? Si può

Pubblicato in Idee e politica, Mobilità | Taggato , , , , , | Lascia un commento

Presentazione del libro “Treno diretto Crema-Milano”, lunedi 28 a Milano

Lunedi 28 novembre alle ore 10 presso la Sala Gonfalone, Palazzo Pirelli, via Fabio Filzi 22, a Milano presenterò il libro “Treno diretto Crema-Milano. In viaggio verso la modernità“, insieme al giornalista Paolo Loda.
L’incontro sarà coordinato dal capogruppo regionale PD Luca Gaffuri.
Interverranno Raffaele Cattaneo (assessore alle Infrastrutture e Mobilità della Regione Lombardia) e Pierfrancesco Maran (assessore alla Mobilità del Comune di Milano).
Saranno presenti i consiglieri regionali Pd Franco Mirabelli, Stefano Tosi, Francesco Prina, Giuseppe Villani e Giuseppe Civati.

Pubblicato in Idee e politica, Mobilità | Taggato , , , , , , , , , , | Lascia un commento

La Consulta boccia la Regione

La Corte costituzionale ha stabilito che le reti idriche sono demanio pubblico, come le spiagge, i fiumi e le vette delle montagne e dunque ha ribadito il principio che gli italiani hanno voluto riaffermare con il referendum di giugno.
La Regione è stata bocciata ancora una volta su di una norma complessivamente illogica, ideologica e scritta di fretta lo scorso dicembre.
Ora è ancora più chiaro che la legge deve essere riscritta a partire dall’esito del referendum, anche perché il sistema ha bisogno di indirizzi certi che facciano ripartire gli investimenti e garantiscano la qualità del servizio.

Pubblicato in Ambiente e agricoltura | Taggato , , | Lascia un commento

Presentato a Crema il libro “Treno diretto Crema-Milano”

Ieri sera, giovedi 24 novembre, nella sala d’aspetto della stazione dei treni di Crema, ho presentato il libro “Treno diretto Crema-Milano. In viaggio verso la modernità”.
Alla serata erano presenti tutti coloro che hanno partecipato alla realizzazione del libro, a cui va il mio ringraziamento, e sono intervenuti il giornalista Paolo Loda, l’ingegner Aldo Molinari e l’ingegner Diego D’Elia.
Nel libro presentiamo un progetto che vede l’idea di riorganizzare il servizio da e per Crema con un collegamento diretto per Milano ad orario cadenzato e presentando due soluzioni, quella di utilizzare i treni suburbani S spostandoli fino a Crema e quello di sfruttare il servizio regionale Milano Treviglio Crema Cremona, affrontandone gli aspetti ed elencando i vantaggi che un progetto di questo tipo porterebbe al territorio, ai pendolari e alla stessa area metropolitana milanese.

Durante la serata ha preso la parola Stefania Bonaldi, fresca vincitrice delle primarie per il candidato di centro sinistra per le prossime elezioni amministrative di Crema del prossimo anno.

Diego D'Elia e Aldo Molinari

Aldo Molinari

intervento di Paolo Loda

pubblico in sala

Intervento di Stefania Bonaldi

Pubblicato in Idee e politica, Mobilità | Taggato , , , , , , , | Lascia un commento

Case dell’acqua: grazie al PD, presto centinaia di punti di distribuzione in tutta Lombardia

Case dell’acqua presto in tutta la Lombardia grazie a un’iniziativa del Pd. La Giunta Regionale ha dato il via libera oggi, giovedì 24 novembre 2011, all’assegnazione alle Province lombarde e al Comune di Milano del contributo per la realizzazione dei nuovi distributori di acqua potabile, le cosiddette case dell’acqua, appunto.
Da tempo avevamo cominciato a sostenere l’importanza di questi punti di distribuzione nell’ottica di una diversa visione dello sfruttamento dell’acqua: nel luglio scorso avevamo presentato un emendamento, approvato dal Consiglio Regionale, che si proponeva, appunto, di assicurare i finanziamenti necessari alla realizzazione di questi progetti.

Ma la questione dell’acqua come bene comune è sempre stata una battaglia del Pd in Consiglio. E adesso, con questa delibera di Giunta, verranno messi a capitolo 800mila euro: ciò significa centinaia di case dell’acqua in tutta la Lombardia. Continua a leggere

Pubblicato in Ambiente e agricoltura | Taggato , , , | Lascia un commento

Giovedì 24 novembre alle 21 presento il quaderno di lavoro: un treno diretto Crema-Milano

Oggi, giovedì 24 novembre 2011, alle 21, nella sala d’attesa della stazione ferroviaria di Crema, in piazzale Martiri della Libertà, insieme al giornalista Paolo Loda presento il libro che racconta il progetto di un “Treno diretto Crema-Milano – In viaggio verso la modernità”. All’illustrazione del testo, una sorta di quaderno di lavoro per lo sviluppo del territorio saranno presenti gli ingegneri Aldo Molinari e Diego D’Elia, che sono i professionisti che hanno realizzato lo studio sulla fattibilità del collegamento diretto.

La pubblicazione, curata dal giornalista Loda, che prende spunto dal progetto del treno diretto, fa anche il punto sui temi della mobilità più in generale, a partire dai problemi dei pendolari delle linee ferroviarie tra Crema, il territorio circostante e l’area metropolitana milanese. Il libro affronta perciò le questioni infrastrutturali (Paullese, metropolitana, sistema ciclabile…) mettendo in rilievo la mancanza di dialogo tra ferro e gomma.

Nel testo (130 pagine, tantissime fotografie, edito con le risorse del Gruppo Consiliare Regionale del Pd) si trova anche il contributo di idee di economisti, docenti, urbanisti, esperti di mobilità di rilievo nazionale, come Marco Vitale, editorialista del Sole 24 Ore, Francesca Zajczyk, sociologa, Cesare Macchi Cassia, docente del Politecnico di Milano.

A tutti i partecipanti verrà distribuita una copia gratuita del libro.

Pubblicato in Idee e politica, Mobilità | Taggato , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Libro “Treno diretto Crema-Milano”: giovedì la presentazione

Giovedì 24 Novembre alle ore 21 presso i locali della sala d’attesa della stazione ferroviaria di Crema, presento un libro che racconterà il progetto del “Treno Diretto Crema-Milano”.
La pubblicazione, curata dal giornalista Paolo Loda, servirà anche per fare il punto sui temi della mobilità più in generale a partire dai problemi dei pendolari delle linee ferroviarie tra Crema e il nostro territorio con l’area metropolitana milanese e affronta le questioni infrastrutturali (paullese, metropolitana, sistema ciclabile…) mettendo in rilievo la mancanza di dialogo tra ferro e gomma.
Nel libro (130 pagine, tantissime fotografie, editato con le risorse del Gruppo Consiliare Regionale del PD) si trova anche il contributo di idee di economisti, docenti, urbanisti, esperti di mobilità di rilievo nazionale.
A tutti i partecipanti verrà distribuita una copia gratuita.
Siete tutti invitati.

Pubblicato in Idee e politica, Mobilità | Taggato , , , , , , | Lascia un commento

Unioni dei piccoli comuni, la Regione ricorre contro il Governo e si impegna a scrivere una norma propria.

Sono dieci le unioni dei comuni in provincia di Cremona e tutte quante rischiano di sciogliersi o almeno di cambiare compagine per effetto di una norma, l’articolo 16 della manovra correttiva di agosto, che regola in modo diverso le unioni tra i comuni sopra e sotto la soglia dei mille abitanti e che impone limiti demografici molto impegnativi (almeno cinquemila abitanti per le unioni di comuni sotto i mille, almeno di diecimila per le unioni di comuni tra mille e cinquemila). Secondo questa norma rimarrebbe in piedi solo l’unione “Gerundo” (Castelleone, Formigara, Madignano, Montodine, Moscazzano), ma probabilmente vedrebbe l’uscita del centro più piccolo (Moscazzano), pena la decadenza di tutte le giunte comunali entro pochi mesi.
Ma c’è una novità: dopo che in ottobre il PD aveva ottenuto in Consiglio Regionale un impegno da parte dell’assessore Carlo Maccari, lunedì in serata è arrivata la decisione della Giunta di ricorrere alla Consulta contro l’articolo 16. Non solo: proprio ieri, durante i lavori dell’Aula, l’assessore ha confermato l’intenzione di presentare una legge regionale per cambiare i limiti demografici e per valorizzare l’omogeneità territoriale interna alle unioni.
La norma voluta dall’ex ministro Calderoli è del tutto sbagliata e anziché favorire le unioni dei piccoli comuni finisce per ostacolarle, o obbligare ad unioni innaturali, troppo estese o addirittura con comuni non confinanti. Continua a leggere

Pubblicato in Territorio | Taggato , , , , | Lascia un commento